BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: il punto della situazione aggiornata questa settimana

Pensione anticipata con sistema flessibile di Damiano o prestito pensionistico di Giovannini. Diverse le ipotesi allo studio. Ma si aspetta nuovo piano lavoro Renzi mercoledì prossimo




Manca poco, solo due giorni per scoprire quali saranno le misure ufficiali del nuovi piano lavoro del premier Renzi. E con la sua presentazione ufficiale si scoprirà se saranno comprese anche modifiche all’attuale sistema pensionistico o meno.

Da tempo, infatti, si parla della possibilità di interventi previsti nel cosiddetto jobs act di Renzi che dovrebbe contenere misure di sostegno all’occupazione, per cui si pensa che esse possano essere collegate ad eventuali misure di prepensionamento che arriverebbero, dunque, a modificare la legge Fornero.

Ma per saperne di più bisognerà aspettare fino a mercoledì. Nel frattempo, si parla, per un’uscita anticipata per pensioni di vecchiaia e anzianità, di uscita flessibile di Damiano e del prestito pensionistico dell’ex ministro Giovannini, misure che in entrambe i casi prevedono comunque decurtazioni sull’assegno finale che certo non piacciono a pensionandi e sindacati.

Così, nei giorni scorsi, il nuovo ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha incontrato le rappresentanze sindacali, Susanna Camusso, segretario nazionale Cgil, Raffaele Bonanni della Cisl, e i rappresentanti del sindacato Ugl, per discutere delle misure del piano Lavoro che il premier Matteo Renzi presenterà e nel quale dovrebbero confluire anche interventi sulle pensioni, ormai diventati necessari considerando le questioni nate a causa delle nuove norme Fornero e che stanno creando caos, dalla questione esodati ai Quota 96, alla necessità di pensare a forme di uscita anticipata per pensioni di vecchiaia e anzianità.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il