BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Novità Renzi lavoro, piano casa, tasse, scuola, economia. I cambiamenti reali e annunciati

Mille euro in più in busta paga all'anno per chi guadagna 1.500 euro netti al mese: il premier Renzi ha annunciato gli interventi choc per far ripartire l’Italia




Piano casa, taglio tasse, novità scuola ed economia: ieri il premier Matteo Renzi ha annunciato il suo nuovo pacchetto di interventi pronti ad essere messi in atto per riportare l’Italia verso la strada di una nuova crescita.

E al termine del Consiglio dei ministri, in conferenza stampa, ha annunciato: “Più o meno 1000 euro all'anno in più ai redditi fino a 1500 euro: destinatario dell'intervento non è solo il ceto meno abbiente ma anche il ceto medio. Saranno cento giorni di lotta molto dura, per cambiare ad aprile la pubblica amministrazione, a maggio il fisco e a giugno la giustizia. Intanto il taglio del cuneo fiscale interesserà 10 milioni di italiani per un totale di 10 miliardi euro all'anno, circa 80 euro netti al mese”.

Renzi precisa: “Interveniamo con 7 miliardi della spending review, sul margine sul 3%, sullo sblocco del pagamento dei debiti della Pa per motivi che riguardano i governi precedenti e il governo attuale. Basta fare due più due”.

E ancora, dal 26 marzo al 16 aprile si terrà l'asta per la vendita delle prime auto blu che sono in totale 1.500; entro luglio sarà sbloccato il pagamento di tutti i debiti che le pubbliche amministrazioni hanno con le imprese, con 22 miliardi già erogati, attraverso le norme, mentre altri 68 mld saranno erogati entro luglio; dal primo maggio intervento di riduzione dell'Irap del 10% con una tassazione sulle rendite finanziarie che passa dal 20 al 26%, senza toccare i Bot.

Previste poi modifiche della riforma Fornero del mercato del lavoro, per cui sono previsti un decreto e un disegno di legge che puntano soprattutto sui precari. Il contratto a termine cambia e non potrà durare più di tre anni e non dovrà più avere una causale; arriva poi il piano casa messo a punto dal ministro Lupi che prevede sostegno all'affitto a canone concordato, ampliamento dell'offerta di alloggi popolari, sviluppo dell'edilizia residenziale social e quello per l'edilizia scolastica.

E Renzi spiega: “Abbiamo alimentato a 3,5 miliardi il plafond a cui attingere per comuni province per le scuole e chi vuole attingere lo farà con procedure semplificate”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il