BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: non una parola Renzi e Ministri Consiglio dei Ministri. Ma legge unica c'è già

Di nuovo nessun intervento del premier Renzi sulla questione esodati: ancora una volta tutto tace nonostante vi sia già un testo unico. Situazione aperta ancora a lungo




Tutto tace ancora: nessuna uscita flessibile per alcuni pensionandi e per precoci e usuranti, e nessun accenno alla questione esodati, nonostante lo stesso premier Renzi abbia più volte ribadito l’urgenza di risolvere questa situazione che ormai da troppo tempo si abbatte su migliaia e migliaia di italiani.

Ieri, nel corso della conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri in cui Renzi ha presentato i suoi piani lavoro e casa, proposto dal ministro Lupi, nessuna parola sugli esodati, eppure un testo unico in merito c’è già. La Commissione Lavoro, infatti, ha messo a punto un testo di legge da sottoporre all'esame del nuovo ministro del lavoro Poletti, ed anche il presidente della Camera, Laura Boldrini, ha chiesto fermamente la programmazione del testo unificato.

Fermo in merito il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, secondo cui per risolvere la questione esodati è necessario intervenire sulla legge Fornero, che contiene diversi errori ed iniquità che potrebbero essere eliminati solo se si interviene effettivamente a cambiare l’attuale impianto previdenziale.

Ma dopo l’ennesimo silenzio di ieri, sale la tensione degli esodati sul proprio destino previdenziale è alta. Ora si spera che nelle prossime settimane si torni a discutere della questione, anche se al momento sembra tutto difficile e complesso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il