BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi:no cambiamenti calcolo uscita prima età e requisiti,no aumento assegno,sì nuove tasse

Non aumentano gli assegni pensionistici e non cambiano le età di uscita dal lavoro ma si ipotizzano nuove tasse. Ma Renzi smentisce piano Cottarelli




Nessuna  possibilità di uscita anticipata dal lavoro per le pensioni di vecchiaia e di anzianità, ma possibilità di un aumento delle tasse sulle pensioni, in particolare su quelle superiori ai 2-3 mila euro. Queste le misure sulle pensioni di cui si è parlato ieri e che, come ben chiaro, non fanno riferimento ai cambiamenti paventati in queste settimane da sindacati e forze politiche.

Le richieste erano quelle di permettere a determinate categorie di lavoratori la possibilità di andare in pensione prima, soprattutto coloro che erano alle soglie del pensionamento e sono stati bloccati dall’entrata in vigore della legge Fornero.

Nonostante buone le ipotesi allo studio di uscita flessibile e anticipata, in realtà Renzi ha da sempre detto di non voler completamente cambiare e riformare la legge Fornero, ma di intervenirci per risolvere innanzitutto la questione esodati. Potrebbe, dunque, non stupire il fatto che all’indomani del Consiglio dei ministri in cui ha presentato il suo piano lavoro, il premier non abbia fatto accenno alle pensioni. Ma neanche alla questione esodati che invece tanto premeva.

E sugli stessi esodati si è affrettato a smentire l’eventuale contributo che andrebbe a colpire le pensioni più alte. Renzi, infatti, smentisce quanto detto da Carlo Cottarelli, commissario straordinario per la spending review, che aveva ipotizzato un contributo delle pensioni tra i 2mila ed i 3mila euro, esclude patrimoniali ma chiede a Cottarelli di cercare i soldi negli sprechi dello Stato per arrivare fino a 7 miliardi di tagli nel 2014. “I 3 miliardi indicati dal commissario sono prudenziali perché pensava non ci fosse volontà politica”, spiega il premier che, tra l’altro, per il futuro vuole anche i dirigenti pubblici “a tempo determinato”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il