BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi: no cambiamenti, requisiti, età calcolo uscita prima ma nuove tasse e no aumento assegno

Nessuna modifica annunciata per un’uscita anticipata dal lavoro per precoci ed usuranti: probabilmente bisognerà aspettare ancora per capire le intenzione del governo in merito




L’unico accenno fatto sulle pensioni è quello di un contributo straordinario da parte di chi prende una pensione più robusta, un prelievo sulle pensioni ‘d’oro’, che spaventa molti ma che è stato dal premier Renzi per coloro che prendono pensioni sui 2-3 mila euro.

Nessuna modifica annunciata per un’uscita anticipata dal lavoro per precoci ed usuranti, nulla su Quota 96 ed esodati, nulla su un eventuale aumento degli assegni pensionistici, come per gli stipendi. Tanta la delusione da parte di chi pensava che compreso nel piano lavoro ci sarebbero state modifiche alle pensioni.

Nel jobs act, infatti,sono stati toccati temi importanti come la semplificazione delle procedure per apprendistato e contratti a termine, il riordino degli ammortizzatori sociali con l'introduzione dell'assegno universale per chi perde il posto, il taglio al cuneo fiscale per dipendenti e tante altre novità importanti sul fronte occupazionale, ma nulla si è detto sulle pensioni.

Esodati, lavoratori precoci ed usuranti e Quota 96 dovranno dunque attendere probabilmente ancora un po’ per comprendere se tra le altre priorità dell’esecutivo vi saranno interventi sulle pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il