BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri 2014: il punto di questa settimana e le varie novità

Ancora possibili novità e proroghe per il Sistri. Continua a destare perplessità l’entrata in vigore del sistema di tracciabilità dei rifiuti. Le ultime novità




Dopo le tante proroghe che hanno interessato il Sistri, lo scorso 3 marzo il sistema è diventato obbligatorio, mentre il 3 settembre 2014 è il giorno ultimo per adottare eventuali semplificazioni. A fine anno, il 31 dicembre, termina il periodo in cui si utilizza anche la documentazione cartacea: a quel punto il Sistri sarà davvero obbligatorio e scatteranno anche le sanzioni.

Secondo il ministero dell’Ambiente, non esistono, come più volte lamentato, carenze strutturali, il Sistri sembrava ben definito per entrare in vigore anche se dal giorno del suo avvio sono state pensate già modifiche. Il ministero dell'Ambiente valuta, infatti, l'esenzione delle mini-aziende agricole e delle imprese artigiane con meno di 10 dipendenti, dall'obbligo di dotazione del Sistri.

Il governo sarebbe, infatti, al lavoro su un nuovo testo per correggere alcune disposizioni soprattutto sui piccoli produttori di rifiuti, per cui imprese ed enti al di sotto dei 10 dipendenti non saranno obbligati aderire al Sistri. La conferma arriva dallo stesso nuovo ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, che ha inoltre confermato che la scadenza per il versamento del contributo annuale passerà dal 30 aprile al 30 giugno 2014.

Questo ulteriore slittamento arriva dopo l’ok al prolungamento della moratoria, contenuta nel decreto Milleproroghe, che ha anche rinviato l’adozione esclusiva del sistema elettronico, che continuerà a convivere con quello classico di registrazione cartacea fino a fine anno, la stessa scadenza entro cui i soggetti coinvolti eviteranno sanzioni in caso di inadempienze.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il