BusinessOnline - Il portale per i decision maker








E' causa tra ASMI e la SIAE per la tassa sulle copie private

LA tassa sulle copie private scatenala causa tra l'ASMI e la SIAE



La tassa sui supporti digitali, come CD, DVD e VHS, è anticostituzionale. E' quanto sostiene l'ASMI (Associazione Sistemi e Supporti Multimediali Italiana), che ha agito legalmente nei confronti della SIAE, in seguito all'applicazione del d. lgs. 68/2003.

Secondo l'ASMI la tassa sui supporti digitali  ha determinato un aumento dei costi superiore al 3000%, crando un danno ai consumatori. In particolare si mette in luce il fatto che la tassa è applicata alle aziende che vendono i supporti digitali sul territorio, mentre sono esentate le aziende estere che vendono tali prodotti in Italia.

I dati dell'ASMI inoltre parlano di una flessione in negativo del 40% per quanto riguarda il mercato di vendita dei CD-R, che diventa il 25% se a questi ultimi aggiungiamo i DVD.

L'ultimo dato riguarda i ricavi della SIAE all'interno del cosiddetto 'equo compenso': siamo nell'ordine degli 80 milioni di euro l'anno. Il decreto inoltre, a più di un anno dall'approvazione, non è ancora stato convertito in legge.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



pubblicato il