BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: donne uscita 42 anni. Età, requisiti, contributi uguali

Italia a Ue su aumento dell'età contributiva delle donne per le pensioni di anzianità: età sale a 42 anni. Le ultime notizie e decisioni




Innalzamento dell'età contributiva delle donne per la pensione di anzianità da 41 a 42 anni (come gli uomini), come chiesto dall’Unione Europea. Le legge Fornero, infatti, ha introdotto nuove norme che hanno creato un forte squilibrio tra l'età pensionabile degli uomini e l'età pensionabile delle donne, per cui gli uomini potranno andare in pensione solo se in possesso dei requisiti contributivi di 42 anni e 3 mesi di contribuzione, mentre le donne potranno accedere al pensionamento con a 41 anni e tre mesi.

L'Ue ha deciso, allora, di aprire una procedura di infrazione contro l'Italia, per modificare la legge che fissa la differenza tra gli uomini e le donne per quanto riguarda gli anni di contribuzione per richiedere il pensionamento anticipato.

E Matteo Renzi, prima della sua nomina, aveva già assicurato: “Rimetteremo mano alla situazione”, riferendosi anche alle attuali disuguaglianze tra l'età pensionabile tra uomini e donne, equiparata a 66 anni. Ma l'aumento dell'età pensionabile è stato stabilito in conformità con l'andamento europeo, per cui in base all'aumento progressivo, le donne entro il 2018 arriveranno alla pensione a 66 anni, con i requisiti per uomini e donne saranno gli stessi.

Nel 2016, dunque, per le donne la pensione scatterà a 65 anni e 3 mesi, per poi eguagliare i requisiti nel 2018, quando potranno accedere al trattamento pensionistico a 66 anni e 3 mesi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il