BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati Governo Renzi: interventi con ammortizzatori sociali in ddl e ammortizzatori sociali

Probabili misure su esodati con ddl lavoro per riordinare contratti di lavoro, sussidi di disoccupazione, incentivi per assunzione, ammortizzatori sociali. Arriveranno le soluzioni sperate?




Riorganizzazione degli ammortizzatori sociali, nuovi assegni di disoccupazione ma anche possibili interventi per sciogliere una volta per tutte il nodo esodati, e ancora compensi orari minimi, semplificazioni e azioni per la conciliazione dei tempi di lavoro-famiglia: questi contenuti del disegno di legge delega sul lavoro del governo Renzi, la parte più corposa sul piano normativo e strutturale del Jobs Act.

Il ddl Lavoro si accompagna al decreto con le semplificazioni su apprendistato e tempo determinato e al taglio del cuneo fiscale con conseguente aumento in busta paga. Il ddl passa al Parlamento e prevede per gli ammortizzatori, una garanzia universale per tutti in caso di disoccupazione involontaria, con tutele uniformi e legate alla storia contributiva, rivedendo i requisiti per le integrazioni salariali (escludendo i casi di cessazione aziendale) e la durata dei sussidi (da legare ai singoli lavoratori), con meccanismi automatici di concessione e la concessione della cassa integrazione solo a seguito di esaurimento di altre possibilità di riduzione dell’orario di lavoro.

Chiesta la revisione dell’Aspi che sarà sostituita dalla nuova Naspi, valida per i lavoratori con carriere contributive più significative ed estesa ai collaboratori a progetto.

Prevista poi, sul versante contratti, una revisione per renderli più coerenti con le esigenze del contesto occupazionale e produttivo, per arrivare alla definizione di un contratto unico a tutele crescenti; e per gli esodati misure perché si arrivi a sciogliere definitivamente questo nodo così ingarbugliato e per evitare che la platea attuale degli esodati vada ad allargarsi ulteriormente.

Lo stesso premier Renzi ritiene che questa situazione abbia bisogno di soluzioni certe e per questo l’attesa cresce, per capire quali saranno le modifiche pensate dal governo in merito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il