Prestiti personali Marzo 2014 migliori: tassi interesse, condizioni, rate. Confronto aggiornato

Fiditalia, Compass, Bnl: le proposte di prestiti personali per chi ha bisogno di liquidità. Cosa offrono, importi, rate e durata. Quale scegliere

Prestiti personali Marzo 2014 migliori:


La crisi economica e di liquidità spinge sempre più italiani a richiedere prestiti personali per fronteggiare le spese anche quotidiane. E in questo contesto si moltiplicano le proposte per i clienti. Tra le offerte più convenienti spicca quella di Compass, che si chiama prestito Leggero, e che per tutto il primo anno consente di pagare una rata piccola rispetto a quelle degli anni seguenti.

Dal secondo anno in poi, è l’utente che sceglie l’importo definitivo della rata da pagare. Leggero eroga fino a venticinquemila euro. Può essere chiesto da tutti i lavoratori e i pensionati muniti di regolare busta paga o di dichiarazione dei redditi in caso di lavoratori autonomi.

I cittadini stranieri, oltre al permesso di soggiorno, dovranno dimostrare di essere residenti in Italia da almeno un anno. Le rate possono essere pagate tramite accredito su conto corrente bancario, con gli appositi bollettini postali, nelle ricevitorie Sisal e nei punti Lottomatica.

Anche Fiditalia offre il prestito Multipremia, per lavoratori con regolari contratti a tempo determinato e indeterminato, e per lavoratori autonomi. Per richiedere il prestito bisogna presentare i documenti di identità, codice fiscale, tessera sanitaria, carta d’identità, e le ultime tre buste paga o il cedolino della pensione, la dichiarazione dei redditi o il Cud.

Un un lavoratore extracomunitario dovrà anche esibire il permesso di soggiorno. Multipremia eroga prestiti da tremila a trentamila euro, ha una durata che varia da trentasei a ottantaquattro mesi, prevede il pagamento di un’imposta di bollo di 16 euro e le spese massime di istruttoria arrivano a 300 euro. 

C’è poi il prestito o Revolution Più di BNL, prestito personale per chi vuole realizzare un progetto, ma non dispone della somma necessaria per farlo, e che permette alla clientela di ottenere liquidità flessibile e velocemente. L’importo richiedibile può variare dai 5.000 euro ai 100.000 euro, da restituire da 6 a 60 mesi, con un tasso di interesse fisso e una rata mensile e costante per tutta la durata del finanziamento.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il