BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci Governo Renzi: uscita prima, graduale. Conferma Ministro Poletti

Il ministro del Lavoro Poletti apre a uscita anticipata dal lavoro e annuncia un taglio drastico alle false pensioni invalidità. Possibili nuove modifiche




Intervistato dal Tg2, il nuovo ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha parlato delle pensioni, chiarendo punti cruciali, a partire da un’apertura nei confronti di un’uscita graduale dal lavoro, al taglio drastico alle false pensioni invalidità.

Poletti ha, infatti, detto: “È previsto un intervento contro gli abusi, per esempio le false pensioni di invalidità: interverremo drasticamente per tagliarle”, e ha aggiunto che non sono previsti innalzamenti dell'età pensionabile.

Nessun ritocco perciò alla legge Fornero: “Non c'è nessuna previsione al momento di un intervento sull'età pensionabile”, mentre per quanto riguarda le pensioni sopra i 2.500 euro, “il presidente del Consiglio ha già affermato esplicitamente che non ci saranno tagli”.

Il ministro del Lavoro ha anche risposto alle critiche della Cgil al dl lavoro, che secondo il sindacato aumenta la precarietà, sottolineando che per “le misure adottate dal governo, dai contratti a termine senza causale fino a 36 mesi alla semplificazione dell'apprendistato già oggi il 70% degli avviamenti al lavoro avviene con contratti a termine. Noi pensiamo che sia necessario dare più opportunità e anche più stabilizzazione”.

E nel frattempo c’è chi attende misure per un’uscita flessibile dal lavoro, soprattutto in riferimento a lavoratori precoci e usuranti, che consentano di poter andare in pensione prima rispetto all’attuale soglia dei 66, troppo elevata per chi svolge determinate mansioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il