Amnistia e indulto: novità, ultime notizie. La situazione aggiornata

Ministro Orlando oggi e domani davanti alla Corte europea dei diritti umani a Strasburgo: illustrate misure su emergenza carceraria e su indulto e amnistia

Amnistia e indulto: novità, ultime notiz


Ci si avvicina, forse, a soluzioni per quanto riguarda le discussioni su indulto e amnistia in Italia. Oggi, infatti, lunedì 24 marzo, e domani, il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sarà davanti alla Corte europea dei diritti umani a Strasburgo, per illustrare un pacchetto di dati e proposte politiche, preparato dal Governo Renzi su indulto e amnistia per risolvere il sovraffollamento carcerario, da tempo ritenuti dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano provvedimenti necessari ed urgenti.

Saranno, dunque, presentati il decreto legge svuotacarceri, e la riforma della custodia cautelare che attende di essere approvata in seconda lettura al Senato, il disegno di legge sulle pene alternative al carcere che oggi approda alla Camera.

Il presidente della Repubblica Napolitano considera necessarie le misure di indulto e amnistia sia da un punto di vista etico, per garantire i diritti umani finora violati nelle carceri, sia per ragioni economiche, considerando che l'Italia se non provvede alle prescrizioni della sentenza Torreggiani emessa nel gennaio 2013 dalla Corte di Strasburgo rischia sanzioni per centinaia e centinaia di milioni di euro. In ballo tutti i risarcimenti legati a più di 3000 cause che la Corte di Strasburgo ha bloccato fino alla scadenza massima del 28 maggio, per questo amnistia e indulto appaiono a molti come l'unica soluzione. 

Ed è stato lo stesso Consiglio d’Europa, nelle scorse settimane, a ribadire l’urgenza di tali misure, cui il premier Matteo Renzi ha promesso l’approvazione della riforma della giustizia nel mese di giugno 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il