BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e amnistia Governo Renzi-Orlando nuovo piano 2014. Novità e ultime notizie aggiornate

Nuovo piano governo per risolvere il problema del sovraffollamento carcerario: la nuova misura del ministro Orlando di risarcimento. Cosa prevede e come funziona




Allo studio del governo Renzi un piano carceri basato sulla possibilità di risarcire i detenuti con 10 o 20 euro al giorno per ogni giorno di permanenza in condizioni disumane, applicando in alternativa uno sconto di pena non superiore al 20%: per evitare di dover pagare salatissime multe all’Europa e per che gli stessi detenuti possano ‘far causa’ all’Italia una volta fuori di galera, il ministro della Giustizia Orlando starebbe pensando all’erogazione di un indennizzo economico per i carcerati, misura alternativa ad amnistia e indulto.

Il nuovo piano del governo Renzi per rispondere all’emergenza carceri in Italia e dare a Strasbrugo le risposte che attende in merito prevedono un no alle misure di indulto e  amnistia, contro cui si è schierato lo stesso premier, ritenendole delle misrure errate e non risolutive; e un piano che includa la possibilità di erogare in favore dei detenuti 10 o 20 euro per ogni giorno di detenzione subita in condizioni disumane, compensazione economica che riguarderà solo casi di soggetti che non hanno commesso reati gravi.

Ma governo e Ministero dovranno prima valutare, eventualmente, le modalità di risarcimento, che andranno studiate a seconda che il detenuto sia già uscito di galera o debba ancora finire di scontare la pena.

E per chi è già fuori di galera, il piano di carceri del Orlando prevedrebbe l’erogazione di una cifra tra i 10 e i 20 euro per ogni giorno di detenzione disumana (con a disposizione cioè meno dei tre metri quadrati ritenuti vitali), mentre per chi è ancora detenuto potrebbe essere previsto uno sconto di pena che comunque non potrà essere superiore al 20% rispetto alla pena complessiva, con ogni giorno trascorso in cella a tramutarsi dunque in una sorta di bonus.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il