BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri 2014: decreto per semplificazioni ed esoneri confermato da Ministero dell'Ambiente

Probabile nuovo decreto da Ministero per modifiche Sistri: cosa prevede e problemi incontrati. Possibili interventi




Il Ministero dell'Ambiente conferma che si sta lavorando ad un decreto di semplificazioni ed esoneri, ma non si sa quando ancora uscirà. L’esonero dovrebbe riguardare le imprese che hanno meno di dieci dipendenti. Il decreto si è reso necessario a causa dei problemi e delle difficoltà che ancora persistono per l’applicazione del Sistri.

E gli ultimi arresti lo confermano. Inoltre, secondo Confcommercio, a livello territoriale nel corso dei primi mesi di avvio del Sistri su un campione rappresentativo di imprese del trasporto e della gestione dei rifiuti, i primi comparti per ora interessati dalla prima fase di avvio di questo sistema, emergono dati preoccupanti.

Tutte le imprese hanno ridotto la propria attività con conseguente decremento del fatturato, quantificabile nel settore del trasporto in 20.000 euro in media in un anno con picchi anche di 40.000 per alcune imprese. Il tempo per le operazioni si è generalmente raddoppiato ed è stato necessario dedicare o assumere almeno una nuova risorsa per gestire la nuova piattaforma.

Oltre al costo di questa nuova risorsa (quantificabile, dalle imprese censite, in 20.000 euro lordi annui) si aggiungono i costi per formare il personale addetto, quantificabili in media in 3.000 euro annui (seminari, corsi di formazione etc. ).

Inoltre, molti dispositivi apparentemente funzionanti, dopo alcune operazioni, si sono bloccati rendendone necessaria la sostituzione. In tutti i casi si sono registrati tempi lunghissimi sia in caso di token (anche 8 giorni di attesa) che di black box (2 mesi) con conseguente danno per fermo mezzi, etc.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il