BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: prepensionamenti statali già bloccati dal Tesoro

Soddisfazione per il piano prepensionamento del ministro Madia, ma il Ministero dell’Economia frena. L’operazione sarebbe troppo costosa. La situazione




"La linea scelta dal ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia di procedere con i prepensionamenti della pubblica amministrazione per creare nuove opportunità di lavoro per i giovani è quella giusta. Già in occasione del voto sulla legge finanziaria con l'attuale sottosegretario Rughetti avevamo predisposto un emendamento in tal senso, ma il governo Letta non l'aveva accolto'”: queste la parole di Bruno Tabacci, leader del Centro Democratico e Presidente della Commissione bicamerale per la Semplificazione.

E’ stato accolto un po’ da tutti con grande soddisfazione l’annuncio del ministro della funzione pubblica, Marianna Madia, “stiamo pensando a prepensionamenti per immettere energie nuove nella pubblica amministrazione”, piano per un’uscita anticipata dei dipendenti pubblici prossimi all’età da pensione auspicato da tanto.

Ma l’operazione costa. Carlo Cottarelli, commissario straordinario per la Spending review, avrebbe voluto utilizzare l’arma dei prepensionamenti per tagliare la platea dei circa 3milioni di travet, del resto sono previsti 85 mila esuberi che con la mobilità sono di difficile e lento smaltimento.

Ma il piano del ministro Madia, di prepensionamenti del personale anziano in esubero per consentire le assunzioni dei giovani, rischia di far saltare i conti dell’Inps, oltre a creare una nuova platea di esodati della PA. Decidere per la pensione anticipata per i dipendenti nella fascia tra 58 e 60 anni significa lasciare senza stipendio e senza pensione migliaia di dipendenti anche per 4 anni.

Emerge anche da questi numeri che il nuovo piano che preveda l’uscita anticipata dei dipendenti pubblici ha bisogno, come evidenziato da Alessandra Ricciardi su Italia Oggi, di notevoli risorse, che il governo non ha al momento.

E la Ricciardi spiega: “Peccato che l’operazione costi. Perché i risparmi derivanti dall’inasprimento dei requisiti per l’accesso alla pensione realizzato con la legge Fornero sono stati messi a bilancio e, nel caso si decida di farne a meno, vanno indicate coperture alternative e di certa entità”. Questo il motivo per cui il Ministero dell’Economia di Pier Carlo Padoan ha già frenato su tale piano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il