BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp Italia 2014 emissione Aprile: scheda ufficiale rendimento, caratteristiche condizioni sul sito del Mef

Nuova emissione Btp Italia 2014 dal 14 al 17 aprile: sale durata da 4 a 6 anni. Rendimento e condizioni sul sito del Mef a breve. Caratteristiche




La nuova emissione del Btp Italia si terrà dal 14 al 17 aprile 2014, la scheda ufficiale di rendimento sarà pubblicata sul sito del Mef la prossima settimana, intanto p bene precisare che anche questo collocamento avrà le stesse caratteristiche dei suoi predecessori, con una novità.

La durata di questo Btp sarà di sei anni anziché quattro come nelle passate emissioni, con un collocamento che avverrà in due fasi: dal 14 al 16 aprile sarà, infatti, riservato ai risparmiatori individuali, mentre e il 17 aprile sarà riservato agli investitori istituzionali.

Per il resto le caratteristiche si confermano quelle delle scorse emissioni: confermato anche per questi nuovi Btp Italia il premio fedeltà per coloro che decideranno di tenere il titolo fino alla sua naturale scadenza; saranno sempre caratterizzati da una cedola semestrale indicizzata all’inflazione italiana a cui andrà aggiunto un rendimento minimo; potranno essere sottoscritti tramite la propria home banking o presso qualsiasi sportello bancaruo; e anche per le nuove emissioni di Btp Italia 2014 rimane il taglio minimo acquistabile, fissato a 1.000 euro o multipli.

Secondo Maria Cannata, responsabile Direzione debito pubblico del Mef, “L'operazione sicuramente andrà bene perché le richieste continuano ad arrivare, ma forse la valanga delle ultime volte non ce la aspettiamo.

La differenza sta nel livello dei tassi molto basso, che ha anche spinto ad allungare l'orizzonte di investimento da quattro a sei anni”. L'allungamento da quattro a sei anni potrebbe essere un vantaggio, considerando che la differenza di rendimento tra un Btp a quattro anni e uno a sei è di circa 60 punti base. Il rischio è che essendo un titolo più lungo sarà maggiormente esposto a variazioni e oscillazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il