BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri 2014: situazione aggiornata. Novità questa settimana

Ancora problemi e criticità da risolvere. Arrigoni della Lega Nord: “Il Sistri è un sistema fallimentare”. E ministro dell’Ambiente Galletti annuncia approfondimenti




Quattro le ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari eseguiti dalla Guardia di Finanza di Napoli su disposizione della Dia: sotto accusa il sistema di appalti della società Selex, di Finmeccanica, che gestisce il Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti partito qualche tempo fa dopo anni di rinvii. Destinatari delle misure sono l’ex direttore centrale relazioni esterne di Finmeccanica, l’ex direttore operativo della Selex, e due imprenditori.

L’accusa è di associazione per delinquere e corruzione per le procedure di affidamento, progettazione e realizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti. Sono stati, inoltre, sottoposti a sequestro preventivo 28 conti correnti e due cassette di sicurezza. Dopo questa ulteriore difficoltà, emerge chiaramente ancora la criticità di utilizzo del Sistri. Per molti infatti non si tratta di un sistema valido ed efficiente.

E c’è già chi richiede un nuovo decreto pronto a modifiche. Secondo il senatore della Lega Nord Paolo Arrigoni, “Il Sistri è un sistema fallimentare, lo diciamo da sempre e oggi lo certificano le forze dell’ordine. Come purtroppo sempre accade ultimamente, la politica ha ceduto il passo alla magistratura demandando ad essa le proprie responsabilità”.

Intanto il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha annunciato già tempo fa che “le istanze avanzate dai piccoli produttori sono tenute nella massima considerazione”. Tanto che è stato stabilito che il Sistri sia solo per imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti con più di 10 dipendenti nei settori dell'industria, artigianato, commercio e servizi.

Inoltre il ministro Galletti, ha detto che un approfondimento sul Sistri “E’ fra le priorità in agenda per i prossimi giorni. Ritengo valide le due finalità del sistema: la tracciabilità dei rifiuti come contributo essenziale per la lotta alle ecomafie e la semplificazione amministrativa attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie. L'obiettivo è rendere questo strumento, dalla storia travagliata, una ulteriore opportunità per la competitività del paese ed un presidio per la tutela della legalità”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il