BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi 2014: scadenza ufficiale 16 Giugno per tutte le città. Calcolo, come si paga, quando

Si pagherà 16 giugno e 16 dicembre la Tasi: come calcolare quanto versare di tassa sui servizi indivisibili comunali e prime stime. Chi paga




E’ stata finalmente comunicata la prima data di scadenza di pagamento della Tasi, la nuova tassa sui servizi indivisibili comunali che ha fatto tanto discutere in questi mesi. Il termine è fissato per il prossimo 16 giugno, quando si pagherà anche la prima rata Imu, che, ricordiamo, dovrà essere versata da tutti i proprietari di immobili ad eccezione di prime case e terreni agricoli.

E' stato infatti stabilito che la Tasi si pagherà il 16 giugno e il 16 dicembre di ogni anno, con la possibilità di versare in unica soluzione entro metà giugno. Se poi per il 2014 i Comuni non emaneranno il regolamento su aliquote, detrazioni ed esenzioni dalla Tasi entro il 31 maggio prossimo gli acconti dovuti per gli immobili diversi dall'abitazione principale saranno calcolati sulla base dell'aliquota dell'1 per mille. Questo quanto stabilito dalle Commissioni Finanze e Bilancio della Camera con le modifiche al decreto salva-Roma ter in materia di tasse sul mattone e sui rifiuti.

La Tasi si preannuncia una nuova stangata per i proprietari di immobili, soprattutto seconde e terze case e per immobili ad uso commerciale, cioè negozi, aziende, capannoni, uffici. Secondo le previsioni dell'Ufficio studi della Cgia di Mestre, seconde case e immobili d'impresa subiranno un vero e proprio salasso, del valore di circa un miliardo di euro.

Il calcolo è stato effettuato considerando l’aliquota base all’uno per mille, ciò significa che se dovesse essere ancora alzata, allora la cifra sarà ben più alta. Per calcolare la Tasi, si parte, come per l’Imu, dalla rendita catastale, che deve essere rivalutata del 5% e moltiplicare poi il risultato per il coefficiente del proprio immobile, per esempio 160 coefficiente delle abitazioni. Bisognerà poi applicare sul valore catastale l’aliquota stabilita dal proprio Comune di residenza, e le eventuali detrazioni previste su base locale.


Per calcolare quanto bisognerà versare si può utilizzare il seguente calcolatore gratuito online che calcola Tasi, Imu e Iuc in automatico per tutte le città e tipi di abitazioni, nonchè terreni, aziende, capannoni, negozi.
Si può trovare al seguente link diretto 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il