Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: il punto della situazione aggiornato della settimana

Continuano ad arrivare richieste di cambiamento per le pensioni, ma il ministro Poletti non sembra avere programmi in merito. Necessarie nuove modifiche

Pensioni anzianità e vecchiaia Governo R


Le richieste continuano ad essere a favore di un’uscita anticipata dal lavoro per le pensioni di vecchiaia e anzianità, soprattutto per coloro che sono impossibilitati a rimanere a lavoro fino alla soglia dei 66 anni attualmente fissata e rispettando i requisiti vigenti. Ma tutto sembra ancora tacere per interventi concreti di cambiamento del sistema previdenziale e le parole del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che ha dichiarato che all’orizzonte non vi è l’appuntamento per riaprire il cantiere sulle pensioni, fanno temere.

Si schiera contro queste posizioni, il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, che continua a ribadire l’urgenza e la necessità di mettere in atto il suo piano di prepensionamento per i dipendenti pubblici.

Si tratterebbe di un’opzione decisamente positiva che soddisfarebbe da una parte coloro che volgiono lasciare prima il lavoro, e dall’altra i giovani in cerca di occupazione. La situazione è ancora decisamente confusa.

E in questa confusione si inserisce anche (e forse paradossalmente) l’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero che con la sua legge ha dato vita a non pochi problemi, alcuni dei quali decisamente gravi, come quelli di esodati e Quota 96, e che, rivolgendo al piano prepensionamenti, ha detto: “Alla Madia suggerisco di essere abbastanza attenta, i dipendenti privati farebbero bene ad arrabbiarsi perché non possono essere sempre solo loro a pagare”.

Per Cesare Damiano, attuale presidente della Commissione Lavoro alla Camera, manca il “coordinamento del neo-governo Renzi. Serve che il governo si coordini al suo interno, almeno questo deve valere per i ministri Madia, Giannini e Poletti, che hanno tutti competenze sull'argomento e mi pare anche che abbiano posizioni divergenti. Nonostante le polemiche, è arrivato comunque il momento di intervenire sul sistema previdenziale, ripristinando una maggiore flessibilità per l'accesso alla pensione.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il