BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Isee 2014: scadenza 20 Aprile. Chi, quando, come può fare domanda INPS. Documenti, calcolo

Cos’è l’Isee e cosa cambia per questo 2014: documenti necessari e agevolazioni previste. Chi può usufruirne. Per evitare errori meglio rivolgersi a Inps e Caf per calcolo




L’Isee, Indicatore Situazione Economica Equivalente, è un coefficiente calcolato fra reddito e imposte che permette di determinare la situazione economica di una persona o un nucleo familiare e si tratta di un parametro essenziale per la valutazione delle ricchezze considerando che permette poi l’erogazione o meno di determinate agevolazioni ai cittadini per garantire una equa distribuzione delle risorse e la parità nell’accesso ai servizi e all’istruzione.

In base all’Isee, infatti, le famiglie possono essere esentate o meno dal pagamento delle tasse universitarie dei figli o della retta per scuole d’infanzia e asili nido, possono usufruire di servizi assistenziali particolari o di cure specialistiche gratis. Per evitare truffe e determinare la reale situazione familiare saranno calcolate tutte le entrate extra e osservati i vari movimenti sugli strumenti finanziari a disposizione come conto corrente o altro.

L’Isee 2014 considererà le attività finanziare come parametro di valutazione e ci sono novità sui conti correnti che saranno indicativi per verificare effettivamente la situazione economica di un nucleo familiare. Mentre, infatti, fino all’anno scorso veniva presa in considerazione la giacenza al 31 dicembre dell’anno precedente per la valutazione della situazione economica ora si prenderanno in considerazione i vari mesi dell’anno con un dato relativo alla giacenza media complessiva.

Per  valutare la situazione economica delle famiglie italiane, il nuovo modello Isee considererà, dunque, reddito, reddito Irpef, redditi con regimi sostitutivi (es. TFR e cedolare secca per affitti), redditi figurativi e redditi esenti (assegni familiari, pensioni di invalidità, ecc.); e patrimonio, patrimonio dichiarato ai fini Imu, patrimonio mobiliare e patrimoni posseduti all'estero.

Per ottenere l'Isee 2014 è necessaria la Dsu, dichiarazione sostitutiva unica, a cura del richiedente, che contiene gli elementi necessari per il calcolo dell'indicatore che avrà validità dal momento della richiesta fino al 15 gennaio dell'anno seguente.

Cambia quest’anno anche l'autocertificazione che potrà essere fatta solo in parte. I principali indici inseriti nella dichiarazione sono: ISR (indice della situazione reddituale), ISP (indice della situazione patrimoniale), ISE (indice della situazione equivalente) e l'ISEE appunto che e dato dal valore ISEU diviso per il PSE (parametro scala equivalenza).

I documenti per il calcolo Isee sono i codici fiscali dei membri della famiglia, le dichiarazioni dei redditi e il Cud, le certificazioni Inps su integrazioni e sussidi di disoccupazione, i documenti che attestano il patrimonio mobiliare e immobiliari, eventuali contratti di locazione e certificazioni degli immobili di proprietà; ed eventuali certificati in caso di presenza in famiglia di portatori di handicap.

Per il calcolo Isee ci si può affidare a Inps o Caf, presentando il modulo DSU per ottenere la certificazione Isee dall'Inps. Ricordiamo, inoltre, che l’Isee può essere presentato in qualsiasi momento, considerando però le date di scadenza delle dichiarazioni dei redditi insieme a cui bisognerà presentarlo.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il