BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: cambiamenti possibili. Anche età. Come e quando dopo DEF 2014

Innalzamento dell’età pensionabile per le donne: ipotesi di nuovo in ballo se dopo elezioni europee la situazione economica d’Italia sarà ancora in crisi. Possibili modifiche




Si discute da mesi ormai della possibilità di concedere a determinate categorie di lavoratori la possibilità di uscire prima dal mondo del lavoro, su base volontaria, e dell’equiparazione dell’età pensionabile fra uomini e donne, a detta di molti un’ingiustizia sociale. In realtà, le donne hanno la possibilità di andare in pensione prima, oggi, con la cosiddetta opzione contributivo, che permette di andare in pensione a 57, 58 accettando però il calcolo dell’assegno finale con il sistema appunto contributivo, il che significherebbe ricevere meno.

E se qualche tempo fa si era parlato della possibilità di innalzare l’età pensionabile delle donne, come del resto richiesto dall’Ue al nostro Paese, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha smentito questa ipotesi.

Ed ora cresce l’attesa per i prossimi appuntamenti in cui si dovrebbe discutere realmente di eventuali modifiche alle pensioni, che sono lunedì 14 aprile, giorno in cui sarà discussione il testo unico sugli esodati, per permettere l’uscita dal lavoro con i vecchi requisiti pensionistici a determinate categorie di lavoratori; e il 30 aprile, giorno in cui sarà presentata la riforma della pubblica amministrazione e sarà occasione per capire cosa il governo deciderà sul piano prepensionamenti del ministro Madia.

Ma altro importante appuntamento per le pensioni potrebbe arrivare dopo le elezioni europee e se allora la situazione economica d’Italia fosse ancora in crisi, bisognerebbe aspettarsi solo interventi negativi. Come un nuovo blocco delle indicizzazioni delle pensione, un contributo di solidarietà sulle pensioni d’oro, un intervento sulle pensioni di reversibilità e guerra, e un ritorno dell’aumento dell’età pensionabile delle donne.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il