BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto: novità della settimana aggiornate e ultime notizie carceri 2014

Si avvicina l'appuntamento del 28 maggio, data entro la quale l'Italia dovrà rendere conto all'Europa dello stato delle carceri: la situazione




Si avvicina l'appuntamento del 28 maggio, data entro la quale l'Italia dovrà rendere conto all'Europa dello stato delle carceri, rischia una multa miliardaria. Dopo le dichiarazioni del ministro della Giustizia Andrea Orlando che non esclude ormai il ricorso alle misure di indulto e amnistia per risolvere il problema del sovraffollamento carcerario ed evitare così una sanzione salatissima, nonostante considerata una 'sconfitta',  l’ultimo ad essersi espresso in merito è stato il vice ministro della Giustizia Enrico Costa che ha detto: “Devo dire che nella situazione attuale la frammentazione politica e la maggioranza richiesta per adottare le misure straordinarie chieste dal Presidente della Repubblica inducono a un certo scetticismo rispetto alla possibilità di concretizzare i provvedimenti di clemenza generale, di amnistia e indulto”.

Costa ha sottolineato come i due atti siano di esclusiva competenza del Parlamento e non del governo e si aspetta l’intervento del ministro Orlando, che il prossimo 23 aprile esporrà in Commissione Giustizia al Senato le linee programmatiche dettate dal governo Renzi in materia di Amnistia e Indulto 2014, sovraffollamento carceri e riforma della giustizia.

Intanto la commissione Libe UE (Commissione per Libertà civili, giustizia e affari interni) ha pubblicato un altro dossier sulle carceri italiane, fotografando una situazione più che critica. Secondo il presidente della Commissione, Juan Frenando Lopes Aguilar, la situazione delle carceri italiane è realmente drammatica, ‘meglio’ solo di Serbia e Grecia in tutta Europa.

Pur accogliendo con favore le misure adottate sin qui dal nostro paese, la Commissione ha comunque esortato il nostro paese a fare di più in tema di sovraffollamento e condizioni di detenzione, ma nonostante il richiamo il governo Renzi sembra ancora ben distante dall’approvazione di amnistia e indulto 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il