Mutui Aprile 2014: tassi interessi medi 10, 20, 30 anni variabili e fissi, durata.. Migliori offerte

Andamento mercato dei mutui: come cambiano i tassi e situazione attuale. Quali le migliori offerte?

Mutui Aprile 2014: tassi interessi medi


Dopo due anni di crollo, il 2014 sta registrando una netta inversione di tendenza per i mutui casa: da un campione di oltre cento banche, infatti, emerge che nei primi due mesi dell'anno le erogazioni di prestiti per l'acquisto della casa sono aumentate di oltre il 18% rispetto allo stesso periodo 2013 quando avevano toccato il livello minimo degli ultimi sei anni.

Il mese di aprile inizia registrando forti ribassi per i tassi fissi, come emerge dalle migliori offerte di mutuo presenti su MutuiOnline.it. Rispetto allo scorso mese, infatti, sono stati notati cali sulle offerte di durata 10 anni (-0,52%), 15 anni (-0,14%) e 20 anni (-0,20%); meno marcato invece il ribasso sull'offerta trentennale (-0,06%); e lieve rialzo sulla proposta di mutuo a 25 anni che ora ha un tasso fisso a 4,90%.

Un lieve rialzo dei tassi variabili si registra per le migliori offerte di mutuo di inizio aprile: le proposte con durata da 10 a 30 anni passano da 2,54% del mese scorso a 2,57%, e le offerte di mutuo con durata più estesa (35 e 40 anni) hanno ora un tasso a 2,72% (+0,03%); aumento anche sulle migliori proposte a tasso variabile con cap del mese di aprile con tassi di 3 punti base su tutte le durate.

Tra le migliori offerte oggi disponibili, quella di Deutsche Bank, che promuove mutui a tasso variabile o misto con lo spread del 2,4% riservato però ad importi che coprano al massimo il 60% dell’acquisto della casa (la promozione è valida fino al 31 maggio 2014).

Per esempio, se si chiedono 100 mila euro con un tasso variabile (Euribor a tre mesi) per acquistare una prima o seconda casa e quell’importo è minore o uguale al 60% del valore di acquisto dell’immobile, allora si avrà una rata mensile pari a 458,05 euro e un Taeg del 2,845% (tiene conto dei 390 euro delle spese di perizia e dei 700 di quelle di istruttoria). Ma se la richiesta eccede il 60% del valore di acquisto dell’immobile, lo spread vola al 2,50% e la rata sale.

Buona anche l'offerta di Mutuo valore Italia di Unicredit: per questa offerta si parte da uno spread che si attesta al 2,25% sul variabile (Euribor a tre mesi) per gli importi fino al 50% del valore dell’immobile (l’iniziativa è partita il 24 febbraio del 2014 e terminerà il 31 maggio). Anche Ing Direct propone due offerte: una al 2,6% fino al 70% e una al 2,8% dal 71% all’80% di loan to value, la percentuale del finanziamento in relazione al valore dell'immobile.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il