BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: novità prepensionamento Giuliano Poletti e Madia. Importanti segnali

Contratto over 50 da ministro Poletti, Renzi rilancia su assegno e piano Madia in discussione: cosa cambierà per le pensioni dopo tanta attesa?




AGGIORNAMENTO: Oltre al contratto over 50-60 anni, il Ministro Giuliano Poletti del Lavoro ha annunciato oggi che sono in fase di studio delle soluzioni per una uscita anticipata e flessibile ma che dovrà essere a costo zero per lo Stato. Come potrebbe essere, ricordando anche il prepensionamento della Madia è spiegato in questo articolo

Nonostante il silenzio del Def, le aspettative deluse e la rassegnazione di molti, sembrano tornare segnali importanti nel mondo delle pensioni. A far pensare, di nuovo, che qualcosa possa effettivamente cambiare, anche se i tempi non si conoscono, sono le nuove proposte del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e la prossima discussione, che si svolgerà il 30 aprile in occasione del varo della riforma della Pubblica amministrazione, del piano prepensionamento dei dipendenti pubblici avanzato dal ministro Marianna Madia.

Se fino a qualche giorno fa l’attenzione era essenzialmente puntata sulle possibili uscite anticipate con il sistema della flessibilità in uscita proposta da Cesare Damiano e con il prestito pensionistico dell’ex ministro Giovannini, oggi la porta si apre agli over 50. A pensare alla loro difficile posizione il ministro Poletti, che pensa ad un nuovo piano di reinserimento nel mondo del lavoro per tutti gli over 50 che a causa della crisi hanno perso il posto rimanendo senza stipendio ma troppo giovani per la pensione. E cos’, invece di ricorrere esclusivamente all’uscita anticipata con i vecchi requisiti,  l’ipotesi nuova punta a rivestirli nel mercato del lavoro.

Per questi lavoratori, il ministro del Lavoro ha spiegato sarebbe allo studio l’ipotesi di istituire una formula di contratto ad hoc proprio per questa categoria per favorirne il reinserimento. Probabilmente sarà richiesto alle aziende datrici di lavoro una forma di contribuzione ridotta, per aiutare il rientro di questi lavoratori: “Ci sono troppe persone che hanno più di cinquant’anni e sono state espulse dal mondo del lavoro e non riescono più a rientrare. Sta diventando un’emergenza sociale, ecco perché vorrei al più presto introdurre un contratto per il reinserimento dei lavoratori over 50”.

Il ministro specifica che pena ad “un contratto di reinserimento per chi è ancora lontano dalla pensione e a qualche tipo di scivolo per chi invece è ormai prossimo a ritirarsi. Se avessi i soldi lo farei subito, ma prima dobbiamo trovare le risorse finanziarie per eventuali agevolazioni e tutto il resto. Ma è una cosa che questo governo vuol fare e anche presto”.
 
A rilanciare sulle pensioni anche il premier Renzi che ha annunciato per il 2015 un aumento degli assegni per chi prende meno di mille euro, e la possibile novità sul piano prepensionamento del ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia.

“Un grande progetto di staffetta generazionale. Noi crediamo, come governo, che non serve il blocco del turn over. Occorre favorire uscite non traumatiche dei dipendenti vicini alla pensione, altrimenti non ci può essere rinnovamento ma solo agonia. In un periodo di crisi occorre trovare risorse per le nuove assunzioni  in quanto il rinnovamento è indispensabile ed è un risparmio per le casse dello Stato”.

Nonostante, dunque, la Ragioneria di Stato abbia bocciato la proposta del ministro di prepensionamento degli statali per favorire il ricambio generazionale, perché, come spiegato da Francesco Massicci, capo dell'Ispettorato generale per la spesa sociale della Rg, “Se si mandano via persone che non vengono rimpiazzate, viene meno lo stipendio e la pensione ed è un costo neutrale. Ma se mando via persone che devo sostituire devo pagare lo stipendio, la pensione e la buonuscita e la legge deve prevedere una copertura”, la Madia continua per la sua strada.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il