BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Btp Italia 2014: alternative conti deposito, buoni fruttiferi, Btp legati inflazione, obbligazioni

E’ boom di richieste per il Btp Italia: andamento emissione primi due giorni. Quanto conviene acquistarli e alternative di investimento




Boom di richieste per il nuovo Btp Italia: nel primo giorno di collocamento la richieste per il titolo di Stato agganciato all’inflazione italiana si è attestata a 6,72 miliardi di euro con 110.092 contratti. Questi numeri mettono in evidenza come tale prodotto resti ancora appetibile per gli investitori italiani, soprattutto se si considera che i primi due giorni erano esclusivamente dedicati dalla clientela retail. Secondo molti si tratta di un investimento buono e conveniente, proprio perché il titolo è legato all’inflazione, oggi ai minimi, e che certamente nei sei anni di durata di questo Btp Italia crescerà, facendo di conseguenza aumentare il suo rendimento.

A questo risultato eventuale bisognerà poi calcolare il rendimento fisso stabilito dal Tesoro, all’1,65%, nonché il premio fedeltà che sarà applicato a coloro che sottoscrivono il titolo e lo mantengono fino alla scadenza. Ma non solo Btp Italia. L’emissione si concluderà domani, giovedì 17, quando toccherà agli investitori istituzionali comprarlo, dopo di che si tornerà a scegliere fra i prodotti noti per investire.

La scelta è fra classici Btp, conti deposito, obbligazioni e Buoni Fruttiferi postali, che continuano a rimanere prodotti appetibili per gli italiani, con rendimenti che viaggiano introno al 2%, anche se c’è una differenza da considerare e riguarda la tassazione cui essi sono soggetti. Se, infatti, sui Btp continua a rimanere al 12,5%, sugli altri prodotti è stata alzata al 26%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il