BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità uscita flessibile, anticipata prepensionamento Poletti e Madia.Ancora nuove conferme

Il Def 2014 approvato ieri conferma probabili forme di prepensionamento in arrivo: cosa si prevede su lavoro e pensioni




Via libera alle misure del Def 2014 nel quale figurano, tra gli altri provvedimenti, pensioni e lavoro, fra sistemi di incentivi e disincentivi come proposto dall’uscita flessibile di Damiano, o dai piani di prestito di Poletti, come anche avanzato tempo fa da Giovannini. Secondo quanto riportato dal Def, l’esecutivo dovrà pensare ad una riforma del lavoro che sostenga l’occupazione, guardando in particolar modo ai più giovani e a coloro che hanno perso il lavoro, a causa della crisi.

Sulle pensioni, invece, l’impegno principale dovrà concentrarsi su soluzioni concrete e definitive per esodati e Quota 96. Sembra, infatti, diventato quasi paradossale che, nonostante effettivamente vi siano altre urgenze da risolvere, il governo non guardi a queste questioni che risultano essere diventate davvero gravi, continuando a prorogarne sempre una risoluzione effettiva. Si spera, per ora, nel caso degli esodati, che il tavolo confermato entro fine mese fra Inps, parti sociali e ministeri di Lavoro ed Economia porti ad una conclusione.

Per quanto riguarda poi la questione prepensionamenti, nel Def stesso si legge che si è ‘in prospettiva di valutare la reintroduzione di meccanismi di flessibilità di uscita rispetto ai nuovi limiti anagrafici, attraverso un sistema di incentivi e disincentivi’, confermando quanto dunque annunciato giorni fa dal ministro del Lavoro Poletti “Stiamo pensando a forme flessibili di prepensionamenti”. Unico nodo da sciogliere perché venga dato una sorta di via libera all’approvazione di queste misure è il reperimento delle risorse necessarie a sostenere lavoratori e pensionandi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il