BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto carceri: DEF 2014 approvato ufficialmente. Nessun intervento previsto

Nessun accenno alle questioni di indulto e amnistia nel Def 2014 approvato ieri: atteso l’intervento del ministro Orlando al Senato




Ci si aspettavano risposte con l’approvazione del Def 2014 di ieri, ma in realtà nulla è stato fatto su indulto e amnistia. E l’Italia ha tempo ancora fino al 28 maggio per dare una risposta all’Ue che ha puntato il dito contro il nostro Paese per le condizioni disumane in cui si vive nelle carceri. Difficile risolvere questa grande situazione tanto che, nonostante la contrarietà, ha portato anche il ministro della Giustizia Orlando a considerare amnistia e indulto come soluzioni.

Nessuna presa, dunque, di posizione, nella riunione per il Def di ieri, come invece capitato per temi importanti come esodati o quota 96. Intanto il ministro Orlando ha incontrato i Procuratori generali per discutere del sovraffollamento delle carcerari in Italia e “degli strumenti e delle azioni necessarie al trasferimento dei detenuti nei Paesi d’origine, con particolare attenzione alla Decisione Quadro 2008/909/Gai relativa all’applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle sentenze penali che irrogano pene detentive ai fini della loro esecuzione nei Paesi dell’Unione Europea”.

Nonostante si pongano come decisive per evitare al nostro Paese il pagamento di multa salatissima, sono diverse le posizioni contro l’amnistia e l’indulto. In molti infatti ritengono che è vero le condizioni di vita nelle carceri italiane non sono degne di un paese democratico, ma che, d’altro canto, non sarebbero l’indulto e l’amnistia a risolvere il problema.

Toccherà ora alla senatrice Nadia Ginetti stilare il testo unificato sulle misure chieste anche con un messaggio alle Camere dal presidente della Repubblica Napolitano in risposta alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo. E il prossimo 23 aprile il ministro della Giustiza dovrebbe andare in commissione al Senato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il