BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne Governo Renzi: uscita anticipata, nuove conferme per Ministro Poletti

Uomini e donne in pensione prima con nuovo sistema di flessibilità in uscita nuovo governo: cosa cambierà davvero?




Non solo opzione contributivo per andare in pensione prima: donne e uomini avranno infatti la possibilità di lasciare prima il lavoro con nuovi piani che saranno allo studio del governo. A conferma l’apertura alla flessibilità in uscita quanto riportato dal Def 2014 approvato ieri, documento con cui l’esecutivo si impegna a perseguire tale obiettivo. Per farlo si potrebbe ricorrere a quanti anticipato dal ministro Poletti. Ma al vaglio ancora il piano prepensionamenti della Madia. La soluzione, comunque, sta tutta nella capacità di recuperare le risorse che servono.

Per quanto riguarda l’opzione contributivo, riservata alle lavoratrici donne, il meccanismo permette di accedere alla pensione anticipata con 57 o 58 anni d’età più 35 anni di contributi ricevendo, com’è facile da immaginare, assegni meno consistenti rispetto a quelli calcolati con il retributivo. Nonostante questa penalizzazione, però, sono tante coloro che lo scelgono. Il problema è che il governo avrebbe dovuto prolungare la finestra per l’invio delle richieste ma ancora nessuna novità.

Le lavoratrici, che siano dipendenti o autonome, che scelgono di andare in pensione prima possono farlo, infatti, solo entro  il 2014, perché è un sistema valido solo dal primo gennaio 2008 al 31 dicembre 2015, per cui i requisiti anagrafici e contributivo richiesti devono essere maturati dal primo gennaio al 30 giugno 2014 per avere così pensione anticipata già dal primo gennaio 2015.

L’attenzione resta, intanto, puntata sulla richiesta dell’innalzamento dell’età pensionabile contributiva per le donne come richiesto dall’Ue. Su quest’ultimo punto mancano ancora risposte. O meglio, la momento è stato assicurato che non vi sarà alcun aumento, ma l’Ue la richiede, ritenendo un’ingiustizia fare differenze fra uomini e donne. Ed ecco perché la questione resta aperta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il