BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne Governo Renzi: la situazione aggiornata della settimana

L’Ue chiede l’equiparazione dei trattamenti pensionistici tra uomini e donne: situazione e cosa potrebbe cambiare




L’Unione europea chiede da mesi all’Italia un innalzamento dell’età pensionabile per le donne per equiparare i trattamenti pensionistici. La Commissione europea ha aperto una procedura d’infrazione contro l’Italia proprio per la differenza degli anni di contributi necessari per il pensionamento anticipato tra uomini e donne. Dal 2014 possono presentare la domanda di pensione anticipata le donne con hanno raggiunto 41 anni e 6 mesi di contributi, mentre per gli uomini sono necessari 42 anni e 6 mesi.


Dal 2016 è previsto un ulteriore rialzo. Ma l’Ue ritiene che questa normativa violi la parità di trattamento tra i generi e chiede l’equiparazione dei trattamenti. E il presidente della Commissione Lavoro Damiano ha ribadito la necessità di rivedere la Legge Fornero sull’innalzamento dell’età pensionabile. E mentre l’Ue aspetta che il nostro paese dia risposte al richiamo ricevuto mesi fa, Damiano torna a rilanciare la sua proposta di uscita flessibile che pone a 62 anni di età e 35 anni di contributi la soglia minima per l’uscita dal lavoro.


Anche il ministro Poletti qualche giorno fa ha proposto un piano di flessibilità in uscita, che quasi ricalca il prestito pensionistico di Giovannini, spiegando:“C'è un'ipotesi di lavoro per una flessibilizzazione del pensionamento per chi perda il posto allo studio del governo. Ci sono tante imprese che sarebbero disponibili ad anticipare una buonuscita perché hanno bisogno di ricambio. Sto lavorando a un'idea molto semplice: ti manca un anno al pensionamento? Ti dò un assegno che non è la pensione fino a quando raggiungi i termini. Per questo anno la tua impresa continua a pagare i contributi previdenziali come tu fossi tornato a lavorare e l'assegno che ti ho dato un po' me lo restituisci nei tuoi 30 anni di pensione e un po' te lo paga lo Stato”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il