BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi: ultime notizie questa settimana e punto situazione

Nuovi piani di flessibilizzazione in uscita per precoci e usuranti dal ministro Poletti: le intenzioni ci sono. Il 2015 forse l’anno della svolta previdenziale




Se è stato confermato il tavolo tra Ministero del Lavoro, Commissioni parlamentari ed Inps per cercare soluzioni alla questione esodati, sempre più incalzante, mancano ancora tempi certi per dare invece risposte alla condizione dei lavoratori precoci e usuranti. Si tratta di categorie si lavoratori fortemente penalizzati dalle norme Fornero che hanno reso decisamente più rigidi i requisiti pensionistici tanto che, da tempo ormai, si chiede la possibilità per loro di lasciare il lavoro con i vecchi requisiti andando in pensione prima rispetto ai limiti oggi fissati.

Qualcosa potrebbe cambiare, ma solo nel prossimo 2015, come sembrano aver annunciato il premier Renzi e il ministro Poletti. Dovrebbe essere, infatti, il prossimo l’anno della svolta ma è tutto ancora da decidere e confermare, bisognerà capire come si evolveranno i dibattiti attualmente in corso e come saranno migliorate, o meno, le condizioni anche economiche d’Italia.

Secondo il ministro Poletti, sulle pensioni “serve una soluzione strutturale attraverso un meccanismo mobile che non crei contenti e scontenti. Le barriere fisse creano un contento, quello che è dentro, e uno scontento, quello escluso” e si pensa a nuovi piani di flessibilizzazione per consentire ad alcuni la pensione anticipata. E mentre si attende l’esito della presentazione della riforma della pubblica amministrazione per capire quale sarà l’orientamento del governo sul piano prepensionamenti del ministro Madia, Damiano è tornato ad esortare il governo perché intervenga sulla questione previdenziale, in tempi stretti in alcuni casi (soprattutto per gli esodati) e in maniera risolutiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il