BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2014 e Unico 2014: chi, quando, come deve fare dichiarazione dei redditi. Istruzioni, regole

Modelli per la dichiarazione dei redditi e chi deve presentare i diversi modelli: quali sono e per chi




Domani, mercoledì 30 aprile scade il primo termine di presentazione del modello 730 2014 per chi lo presenta al sostituto di imposta e tale scadenza apre la stagione della dichiarazione dei redditi relativa a quanto percepito nel 2013. Il 31 maggio, invece, scade il termine per la consegna del 730 2014 al CAF o altro intermediario; mentre il 30 giugno è il termine ultimo di trasmissione del 730 da parte del sostituto o del CAF.

Questo modello per la dichiarazione dei redditi deve essere compilato da coloro che percepiscono redditi da pensione, da lavoro dipendente, dai sacerdoti della Chiesa cattolica, da soci di cooperative, dai giudici costituzionali, dai parlamentari nazionali,  e dai titolari di altre cariche pubbliche elettive. Per informazioni e chiarimenti su come procedere alla compilazione del modello, basterà consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate, su cui tra l’altro sono disponibili le versioni del modello, che fornirà le istruzioni precise da seguire. Ricordiamo che il 730 quest’anno può essere anche presentato senza sostituto di imposta.

A differenza di pensionati e dipendenti, i liberi professionisti, gli autonomi, e i titolari di Partita Iva devono presentare il modello Unico 2014, le cui scadenze sono fissate dal 2 maggio al 30 giugno per la presentazione del modello cartaceo presso gli uffici postali, e al 30 settembre per la presentazione online. Tenuti alla presentazione di Unico 2014 anche chi nel 2013 non risulta residente in Italia; chi deve presentare la dichiarazione dei redditi per contribuenti deceduti; e chi deve presentare anche dichiarazione Iva e Irap, Modello 770 ordinario e semplificato.

Per tutti i contribuenti, Unico 2014 va presentato entro 9 mesi dalla chiusura del periodo di imposta. La presentazione dell’Unico PF 2014 può avvenire, infatti, tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, Entratel o Fisconline, attraverso intermediari abilitati, cioè Caf, professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc; o in formato cartaceo presso un ufficio postale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il