BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2014: istruzioni compilazione, detrazioni, spese. Informazioni utili e come fare senza errori

Scaduto il primo termine di presentazione del modello 730: ancora chiarimenti su spese che si possono riportare per avere detrazioni




Scaduto il primo termine di presentazione del modello 730, ieri 30 aprile, si guarda ora al prossimo del 31 maggio. E per evitare errori di compilazione è bene segnalare alcune precisazioni, che riguardano innanzitutto l’ampio capitolo dedicato alle detrazioni, quest’anno modificato in alcune parti. Iniziamo col dire che con il modello 730 si possono detrarre spese mediche, farmaceutiche e sanitarie, purché si presentino insieme al modello scontrini o altri documenti fiscali che attestino la spesa sostenuta.

Tali spese godono di una detrazione del 19% e vi rientrano anche prestazioni specialistiche, spese chirurgiche, spese medicinali per una franchigia di 129,11 euro; spese sostenute per mezzi per l’accompagnamento e adattati per i portatori di handicap dal valore al massimo pari a 18.075,99. Le detrazioni al 19% di possono richiedere anche per l’acquisto del cane guida per non vedenti.

E se aumentano le detrazioni per i figli a carico, da 800 a 950 euro per ciascun figlio di età pari o superiore a tre anni; da 900 a 1.220 euro per ciascun figlio minore di tre anni; e da 220 a 400 euro l’importo aggiuntivo della detrazione per ogni figlio con disabilità; salgono anche dal 19 al 24% la detrazione per le erogazioni a Onlus e partiti politici; e la detrazione per le spese di riqualificazione energetica successive a giugno 2013 e interventi antisismici; scende invece dai 1.291 euro a 630 euro la detrazione del 19% su polizze e premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni.
 
Le detrazioni nel modello 730 possono essere richieste anche per le spese sostenute per l’istruzione, secondaria, universitaria e di specializzazione, per i propri figli, nonchè le spese per la frequenza di asili nido con limite massimo di spesa di 632,00 euro a figlio; e per le spese per i mutui e di locazione sostenute da studenti fuori sede. In questo caso si possono portare in detrazione affitti per un limite massimo di spesa pari a 2.633,00 euro.


 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il