BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi auto 2014 Fiat, Ford, Renault, Peugeot, Bmw, Opel. Modelli e sconti reali sul prezzo

Modelli che potranno beneficiare dei nuovi ecoincentivi auto 2014 del governo: quali sono e sconti previsti. Al via dal 6 maggio




Fiat 500, Panda e Punto a metano o Gpl, Bmw i3 e i8; Nissan Leaf elettrica; Audi A3 a metano; Mitsubishi i-MiEV e Chevrolet Volt; Opel Ampera elettrica; Peugeot iOn elettrica;Citroën C-Zero; Volkswagen Golf e Up! a metano; Ford Focus; Mercedes Classe B e Classe E bi-fuel metano e ibrida; Mitsubishi Outlander ibrida; Mia Electric; Smart Fortwo; Tesla Model S e Rooadster; Renault Fluence e Zoe elettriche; Volvo V60 ibrida; Toyota Auris, Yaris, Prius e Prius +; Fiat Panda bifuel a metano; Lancia Ypsilon a metano; Citroen DS5 ibrida; Ford Fiesta Gpl; Lexus CT; Mitsubishi Space Star a Gpl; Nissan Micra a metano; Porsche Panamera ibrida plug-in; Chevrolet Spark e Aveo;; Dacia Sandero e Logan bi-fuel Gpl; Fiat Qubo; Hyundai i10 e i20; Honda Jazz ibrida; Kia Picanto e Rio; Lexus GS e IS ibrida; Nissan Juke; Opel Adam e Corsa bi fuel Gpl; Renault Clio gpl; Volkswagen Passat a metano; Tata Vista; Seat Mii; Skoda Citigo.

E’ questo l’elenco completo dei modelli che potranno beneficiare degli eco incentivi 2014 messi di nuovo a disposizione dal governo per incentivare la mobilità sostenibile attraverso lo sviluppo di auto eco sulle nostre strade. Ma con qualche problemino: l’incentivo consiste in uno sconto del 20% che, però, si calcola sul prezzo di listino, il che, tradotto, significa che comunque quanto si spende poi per l’acquisto di una vettura resta una cifra piuttosto altina.

E, infatti, Federauto, l’associazione dei concessionari, critica la misura, soprattutto nella parte che riguarda i contributi alle aziende e i titolari di partita Iva. Loro potranno beneficiare degli ecoincentivi solo se rottameranno una vettura vecchia di dieci anni, condizione difficile poichè le aziende rinnovano spesso le proprie vetture, soprattutto per questioni di sicurezza.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il