BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, vecchiaia, usuranti, precoci, donne uomini Governo Renzi: situazione settimana

Precoci e usuranti in pensione di vecchiaia anticipata per lasciare prima il lavoro: come fare. Le ipotesi allo studio del governo. Si apre un periodo importante




Andare in pensione 3 o 4 anni prima rispetto ai 66 anni richiesti dalla legge Fornero, con la possibilità di ricevere dall’Inps un assegno da restituire maturata la pensione effettiva, con piccole decurtazioni finali: dovrebbe funzionare così il prestito pensionistico proposto dal ministro Poletti. Si dovrebbe chiamare Apa, assegno di pensione anticipato, dovrebbe essere una misura sperimentale fino al 2017, si potrà ricevere solo se dimostra effettivamente lo stato di disoccupazione, e potrà valere per tutti, privati e statali.

Per permettere, tuttavia, a precoci, usuranti ed altri di andare in pensione di vecchiaia anticipata, si studia anche il cosiddetto esonero di servizio, sistema grazie al quale i lavoratori avrebbero la possibilità di chiudere il contratto di lavoro prima e iniziare a ricevere dall’Inps la pensione. Durante l’ultimo anno, nonostante il lavoratore sarà casa, riceverà comunque i contributi dal datore di lavoro e una volta in pensione li restituirà accettando di ricevere piccole decurtazioni, anche in questo caso, sulla pensione finale.

E mentre ancora bisogna chiudere la questione Quota 96, ecco che si torna a parlare della possibilità di andare in pensione con Quota 97, cioè a 62 anni ma con 35 di contributi. Ad anticipare questa possibilità il ministro Madia durante la presentazione delle linee guida della riforma della P.A, lo scorso 30 aprile. Si profila comunque un periodo decisivo per le pensioni, a partire dal 7 maggio, giorno in cui si riunirà il tavolo tecnico che deciderà sugli esodati e in cui non mancherà la discussione sulle modifiche pensioni. E probabilmente si discuterà anche della questione, sollevata dall’Ue già tempo fa, di equiparare l’età contributiva pensionabile per la pensione anticipata di uomini e donne (oggi le donne possono andare in pensione prima). Finora, infatti, a questa situazione non si è fatto accenno, ma l’Ue attende risposte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il