BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2014 e Unico 2014: Maggio, scadenze. Istruzioni compilazione, spese e detrazioni

Le scadenze di maggio per la presentazione dei modelli 730 e Unico 2014 per dichiarazioni dei redditi: date e per chi valgono




E’ fissata al prossimo 31 maggio la scadenza di presentazione del modello 730 2014 ad un Caf o un altro professionista abilitato, e dal 2 maggio al 30 giugno 2014 è fissata anche la scadenza di presentazione di Unico 2014 in formato cartaceo presso gli uffici postali. Il modello 730 deve essere presentato da pensionati, lavoratori dipendenti e soci di cooperative, sacerdoti della Chiesa cattolica, giudici costituzionali, parlamentari, contribuenti che percepiscono redditi da lavori socialmente utili.

Liberi professionisti, lavoratori autonomi, titolari di Partita Iva dovranno invece presentare il modello Unico 2014, o in via telematica, consegnandola personalmente in qualsiasi ufficio o tramite servizi online messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Per tutti i contribuenti, Unico 2014 va presentato entro 9 mesi dalla chiusura del periodo di imposta.

Per evitare errori di compilazione, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione sul proprio sito, per tutti i contribuenti, una guida da seguire che fornisce ogni tipo di chiarimento ed eventuale percorso da seguire, chiarendo anche tutto ciò che riguarda le detrazioni. Sono diverse, infatti, quest’anno le detrazioni previste e diverse anche le novità rispetto allo scorso anno. parti. Sono fissate detrazioni al 19% per spese mediche, farmaceutiche e sanitarie, purché si presentino insieme al modello scontrini o altri documenti fiscali che attestino la spesa sostenuta, per una franchigia di 129,11 euro; per spese sostenute per mezzi per l’accompagnamento e adattati per i portatori di handicap dal valore al massimo pari a 18.075,99, e per l’acquisto del cane guida per non vedenti.

Crescono quest’anno le detrazioni per i figli a carico, che aumentano da 800 a 950 euro per ciascun figlio di età pari o superiore a tre anni; da 900 a 1.220 euro per ciascun figlio minore di tre anni; e da 220 a 400 euro l’importo aggiuntivo della detrazione per ogni figlio con disabilità; salgono poi dal 19 al 24% la detrazione per le erogazioni in denaro a Onlus e partiti politici; e la detrazione per le spese di riqualificazione energetica successive a giugno 2013 e interventi antisismici; scende invece dai 1.291 euro a 630 euro la detrazione del 19% su polizze e premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il