BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: il punto della situazione questa settimana

Governo impegnato su valutazioni meccanismi di pensione di vecchiaia anticipata: le richieste dei sindacati e nuove possibilità




Piano prepensionamento della Madia,nuovo prestito pensionistico Apa, esonero di servizio e Quota 97: sono questi i sistemi di possibile pensione anticipata dal lavoro che il governo sta studiando per cercare di capire quale possa essere la soluzione migliore, sia per i lavoratori, evitando loro penalizzazioni, sia per i costi dello Stato. Ormai da tempo, nonostante la Ragioneria di Stato sia contraria, il ministro Madia sta cercando di spiegare che il suo piano prepensionamenti porterebbe vantaggi al sistema economico italiano e della pubblica amministrazione, non comportando costi esosi per lo Stato.

E’ vero infatti che nei piani del ministro il prepensionamento sarebbe associato ad una nuova assunzione di un giovane ma la proporzione sarebbe buona e conveniente perché le assunzioni sarebbero una ogni dipendenti prepensionati. I dettagli non sono stati comunicati durante il Consiglio dei Ministri dello scorso 30 aprile, ma arriveranno, mentre dal canto suo il ministro Poletti ha pensato alla possibilità di mandare in pensione di vecchiaia anticipata lavoratori che accettino di ricevere un prestito pensionistico da restituire poi a fine carriera.

Questo prestito si chiamerà Apa, assegno di pensione anticipata, e garantirebbe, come il termine stesso annunciato, l’anticipo della pensione al lavoratore che riceverebbe circa 760 euro da restituire poi maturata la pensione effettiva con piccole decurtazioni mensili. Nessuna penalizzazione, dunque, ma una restituzione di quanto già ricevuto. Questo sistema potrebbe essere valido sia per i dipendenti pubblici che per i privati, ma tutto deve ancora essere den delineato. E poiché si susseguono solo ipotesi e annunci, sulle proposte avanzate da Poletti e dalla Madia, il segretario generale della Cgil Susanna Camusso ha detto: “Sulle pensioni si deve smettere di annunciare e improvvisare, non si può andare nel sistema pensionistico per pezzi e pezzettini. Bisogna aprire davvero la discussione sul sistema pensionistico e mettere riparo alla tante ingiustizie che si sono create”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il