BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2014: Agenzia Entrate, Caf chiarimenti su compilazione istruzioni, scadenze, detrazioni

Nuova scadenza a fine mese per la presentazione del modello 730 2014: come ottenere ulteriori chiarimenti per compilazione senza errori




Pensionati, dipendenti, contribuenti soci di cooperative, sacerdoti della Chiesa cattolica, giudici costituzionali, titolari di cariche pubbliche mediante elezioni, lavoratori impegnati in lavori socialmente utili: l’appuntamento per questi contribuenti per la dichiarazione dei redditi percepiti nel 2013 è con la presentazione del modello 730 2014. Scaduta la prima data di presentazione, lo scorso 30 aprile, la prossima da ricordare è quella del prossimo 31 maggio quando bisognerà presentare il modello presso un qualsiasi centro Caf.

Per ottenere qualsiasi chiarimenti e informazione, utile anche al fine della compilazione del modello senza errori, si può consultare e seguire il sito dell’Agenzia delle Entrate, e chiarimenti arrivano in merito anche dal Caf Nazionale. I primi riguardano la possibilità, quest’anno di presentare il modello anche da coloro che sono senza sostituto d’imposta, ad un Caf o ad un professionista abilitato. In questo caso, bisognerà barrare nel riquadro ‘Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio’ la nuova casella ‘Mod. 730 dipendenti senza sostituto’.

Disponibile, inoltre, il modello 730 online editabile, che permette al contribuente di compilare autonomamente il 730, verificarne la correttezza inviarlo semplicemente con qualche click. Basterà semplicemente avere una connessione Internet che permetta di svolgere tale operazione. Una volta compilato e stampato andrà poi consegnato al Caf. Chiarimenti arrivano anche in merito alle novità detrazioni previste per il modello 2014. Queste novità riguardano essenzialmente i cambiamenti per le detrazioni previste per i figli a carico, decisamente aumentate; chiarimenti su detrazioni di spese mediche e sanitarie; nonché l’aumento della detrazione dal 19 al 24% per chi ha fornito finanziamenti a partiti politici e Onlus. Per qualsiasi informazione è possibile comunque consultare Caf, professionisti abilitati o cliccare semplicemente su www.agenziaentrate.gov.it

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il