BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2014-2015: novità, misure, modifiche per farlo pagare a tutti da Governo Renzi

Allo studio del governo possibile modifiche per il pagamento del Canone Rai: come potrebbe cambiare?




Il governo studia possibilità di modifica all’applicazione del Canone Rai che si potrebbe pagare in base al consumo e non più su quota fissa, ma variabile a seconda del reddito familiare. Questa una delle ipotesi cui il governo sta lavorando per recuperare parte dell’evasione del canone, considerando che, secondo gli ultimi dati, attualmente il 27% degli italiani non paga il canone.

Il governo ha intenzione, dunque, di cancellare il canone unico di 113 euro e mezzo che ogni famiglia dovrebbe versare oggi, con un'imposta variabile legata ad un nuovo indicatore che fotograferà i consumi, cioè la capacita di spesa delle persone.

Antonello Giacomelli del Pd, nuovo sottosegretario alle Comunicazioni, ha spiegato che “l’ipotesi di un canone flessibile non è poi tanto peregrina: “Non lo paga il 27% delle famiglie con un danno che la tv di Stato stima in 1,7 miliardi tra il 2010 e il 2015. Una cosa imbarazzante, che noi fermeremo. Al di là della modalità di versamento, che troveremo d’intesa con il ministero dell’Economia, quel che conta sarà la logica, del tutto nuova: pagheremo tutti, pagheremo con più equità”. Secondo Giacomelli, “L’effetto è che avremo un canone più basso che in passato, almeno per le famiglie in difficoltà, e molto meno impopolare. Lavoriamo per rinsaldare un patto di fiducia tra la Rai e il suo pubblico”

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il