BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa Ordinario 2014: chi, come, quando potrà iscriversi e inizio. Miur, ufficiale. Decreto in arrivo

Bandito il secondo ciclo del Tfa Ordinario: sarà pubblicato domani sul sito del Miur. Come parteciparvi e presentare domanda




Iscrizioni a giugno e prove a luglio: è finalmente arrivato il bando per il secondo ciclo del Tfa Ordinario. In particolare, le domande di partecipazione vanno presentate entro il 10 giugno presso l'Ufficio scolastico regionale di riferimento in via telematica. Il bando, come comunicato dal ministro Giannini, vale per 22.450 posti per altrettanti laureati., cui aggiungerei 6.630 posti riservati a docenti già abilitati che vogliono specializzarsi sul sostegno. Il bando sarà pubblicato sul sito del Miur (www.istruzione.it) domani, venerdì 9 maggio

Tre le prove previste: un test preliminare, una prova scritta e una orale. La prima prova sarà un test unico su tutto il territorio nazionale che servirà a verificare le conoscenze disciplinari relative alla materia che si vuole insegnare, e si svolgerà entro il mese di luglio. Per passare questa prova bisognerà raggiungere almeno 21 punti su 30. Chi riuscisse a farlo, si dovrà preparare per la prova scritta, in programma il prossimo ottobre.

Anche in questo caso per superare la prova ci vorranno almeno 21 punti su 30. L’ultima prova orale, invece, avrà un voto minimo di 15 su 20.dopo di che i corsi prenderanno il via a novembre. Saranno ammessi ai Tfa i vincitori delle prove e in soprannumero senza fare alcuna prova i cosiddetti 'congelati' Ssis, cioè gli aspiranti insegnanti che si erano iscritti ai vecchi corsi abilitanti bloccati prima che di ottenere l'abilitazione); e tutti coloro che hanno superato nel 2013 la selezione per entrare nei Tfa ma sono rimasti fuori perché non vi erano posti disponibili.

Si potranno inoltre iscrivere in soprannumero anche coloro che nel 2013 hanno superato la selezione per l'ingresso in più corsi abilitanti e ne hanno scelto solo uno. La precisazione del Ministero riguarda i timori di coloro che parteciperanno al corso ma che temono non vi siano poi posti disponibili: in realtà, si precisa, ad ogni posto bandito sarà assicurata la copertura anche con l'eventuale mobilità di coloro che supereranno le prove di selezione (test preliminare, scritto e orale) fino ad esaurimento delle disponibilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il