BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci Governo Renzi:rinviato tutto pur dovendo essere primi. Sì 20mila statali

Nulla di fatto ancora per la pensione anticipata di lavoratori e precoci ma 20mila dipendenti pubblici potranno accedere ai primi prepensionamenti: cosa cambia




Si pensava che le modifiche alle pensioni, che avevano messo in campo la possibilità di andare in pensione prima rispetto agli attuali requisiti richiesti dalla legge Fornero, avrebbero toccato prima lavoratori precoci e usuranti che chiedono da questi interventi. Ma le discussioni sulle ipotesi di prestito pensionistico e uscita flessibile dal lavoro saranno rimandate a dopo le elezioni europee, bisognerà aspettare dunque il prossimo mese per capire cosa veramente potrà cambiare per il nostro sistema pensionistico.

E se lo stesso ministro Poletti ha confermato questo slittamento di tempi di discussione e decisione sui prossimi interventi sulle pensioni, focalizzandosi essenzialmente sugli esodati come priorità, d’altro canto, sono partiti i prepensionamenti per i primi 20mila dipendenti pubblici in esubero. E’ stata una circolare del ministro Madia a chiarire come funzioneranno questi prepensionamenti e chi toccheranno. E si legge: ‘tale strumento è stato pensato al fine di riassorbire le eccedenze di personale conseguenti alla riduzione delle dotazioni organiche o per la redazione di piani di ristrutturazione, per ragioni funzionali o finanziarie e rientra nel quadro di interventi di riduzione della spesa pubblica, la Spending Review, con l’obiettivo di permettere una migliore allocazione del personale delle pubbliche amministrazioni’.

Ma la Madia precisa che il meccanismo del prepensionamento “non può essere in nessun caso utilizzato come strumento per eludere il regime pensionistico introdotto dall’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, cioè dalla riforma Fornero contenuta nel Salva Italia. Il prepensionamento si può applicare solo al personale soprannumerario o in eccedenza individuato in esubero. La finestra per avvalersi delle vecchie regole resterà aperta fino alla fine del 2016”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il