BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Incentivi auto 2014 finiti ma sconti nuovi casa automobilistiche Maggio e fondi nuovi Governo

Esauriti in appena due giorni gli eco incentivi stanziati dal governo per acquisto di auto eco: chieste nuove risorse




Si sarebbero esauriti già in appena due giorni gli eco incentivi 2014 stanziati dal governo per agevolare i privati nell’acquisto di auto eco. In realtà, le associazioni poco prima dell'avvio del 6 maggio, avevano invitato tutti coloro che intendessero acquistare un’auto ibrida, elettrica, a biotemano, a metano o Gpl a fare in fretta a richiedere l'incentivo giacchè si pensava già fossero pochi. Ma in realtà l'esaurimento delle risorse messe a disposizione si era già verificato nello scorso 2013., quando erano bastate appena poche ore per far esaurire i fondi.

Quest’anno sono bastati due giorni, ma solo per i privati: restano, infatti, a disposizione delle aziende ancora circa 22 milioni. E il motivo di questa somma ancora così alta disponibile è presto spiegato: per accedere agli incentivi, le aziende devono rottamare un veicolo che abbia almeno dieci anni di vita, cosa che si rivela difficile considerando che, soprattutto per motivi di sicurezza, le aziende rinnovano spesso il proprio parco veicoli.

Considerando la rapidità con cui si sono esaurite le risorse messe a disposizione, le associazioni chiedono al governo Renzi nuovi fondi, mentre arrivano anche nuove promozioni da diverse case automobilistiche, proposte che potrebbero incentivare all’acquisto delle quattro ruote.

Per esempio, fino a fine mese, rottamando o permutando una vecchia vettura, si può acquistare la nuova Ford Ka a 7.950 euro anziché a 10.000. L’offerta si può abbinare ad un finanziamento (TAN 2,95%, TAEG 6,17%) che prevede anticipo zero, 24 rate mensili da 190,57 euro e una quota finale pari a 4.387,50 euro (totale da rimborsare: 9.033,18 euro); fino a fine mese disponibile, inoltre, acquistare la Toyota Aygo a 8.350 euro invece che a 10.350 euro. Il finanziamento (TAN 0%, TAEG 5,46%) prevede un anticipo di 3.060 euro, 23 rate da 100 euro e una quota finale di 3.340 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il