BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa Ordinario 2014, Miur bando: posti disponibili singole regioni e classi di concorso

Pubblicato oggi sul sito del Miur il bando per partecipare al secondo ciclo del Tfa Ordinario: chi può farlo e scadenza presentazione domande




E' atteso per oggi, venerdì 9 maggio, il bando per accedere al secondo ciclo del Tfa Ordinario per cui potranno presentare, entro il prossimo 10 giugno e in via telematica, coloro che hanno conseguito una laura magistrale del vecchio ordinamento e degli eventuali esami richiesti per poter avere accesso all’insegnamento; coloro che hanno conseguito una laurea del nuovo ordinamento specialistica o magistrale e degli eventuali crediti formativi per poter avere accesso all’insegnamento; e tutti coloro che hanno diploma Isef, già valido per l’accesso all’insegnamento di educazione fisica.

Potrà inoltre iscriversi chi ha superato nel 2013 la selezione per accedere ai Tfa ma, nonostante idoneo, ne è stato escluso perché non c’erano posti negli atenei dove hanno sostenuto la selezione, e i cosiddetti ‘congelati’ Ssis, cioè coloro che si erano iscritti ai vecchi corsi abilitanti ma sospesi prima si raggiungere l’abilitazione.

Il bando, sarà pubblicato sul sito del Miur (www.istruzione.it), vale per 22.450 posti, cui aggiungere i 6.630 posti riservati a docenti che vogliono specializzarsi sul sostegno. Le prove che bisognerà sostenere sono tre, una preselettiva, che consiste nello svolgimento di un test unico su tutto il territorio nazionale e che servirà a verificare le conoscenze disciplinari della materia che si vuole insegnare, e si svolgerà entro il mese di luglio.

C’è poi la prova orale, cui si accederà solo se alla prova selettiva si è raggiunto il punteggi di 21 su 30, e si svolgerà ad ottobre; infine la prova orale che sarà chiaramente sostenuta da coloro che, sempre con un punteggio di 21 su 30, avrà superato la prova scritta. Una volta superata anche la prova orale, si potranno seguire i corsi per il Tfa Ordinario che dovrebbero partire il prossimo mese di novembre. La graduatoria sarà risultato della somma, in centesimi, dei punteggi conseguiti nelle tre prove sostenute, cui si dovranno aggiungere i punteggi relativi alla valutazione dei propri titoli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il