BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sondaggi elezioni europee 2014 aggiornanti Pd, Movimento 5 Stelle, Pdl. Confronto diverse società

Cresce l’astensionismo e cresce il consenso per il Pd di Matteo Renzi: gli ultimi dati aggiornati su sondaggi elezioni europee




Gli ultimi sondaggi sulle prossime elezioni europee 2014 mettono in evidenza una crescita della propensione all'astensione, che si attesta al 35,2%, nonchè un tasso di indecisi intorno al 17,3. Questo quanto emerge dall'ultimo sondaggio di Emg, da cui si evince anche una tendenza da parte dell'elettorato a scegliere i partiti più fort. Tra i tre partiti maggiori il Pd è al 33,6% (+0,5), il M5S al 24,6% (+0,2), Forza Italia al 19,8% (+0,2).

Gli stessi risultati emergono dal sondaggi di Ipr Marketing per Piazza Pulita, che segnala però una crescita di un +2 per il Movimento di Grillo, ora al 26%, ma sempre sei punti sotto il Pd (+0,3), ora al 32,2, e sette sopra Forza Italia, ora al 19%. Secondo poi la sondaggista Alessandra Ghisileri, ad appena due settimane dal voto, solo un elettore su due si dichiara molto (19%) o abbastanza (34%) interessato, mentre segnala difficoltà delle forze di centrodestra, con Forza Italia al 20,2% la Lega al 5,2% e l'Ncd al 4,9%, mentre il Pd si attesta al 31% e il M5S al 25%.

Secondo la Ghisileri, “la nostra presenza in Europa continua a essere considerata positivamente da due terzi degli italiani mentre gli atteggiamenti nei confronti della moneta unica sono molto più variegati e critici: il 35% ritiene positivo l’utilizzo dell’euro da parte dell’Italia, il 32% pur senza mostrare entusiasmo lo considera una scelta necessaria, il 31% al contrario lo giudica negativamente. Il voto del 25 maggio rappresenta una sorta di inedito doppio referendum, solo in parte sovrapposto: il primo pro o contro l’Europa, il secondo pro o contro il governo”.

Secondo poi i dati diffusi dagli istituti Lorien Consulting, Piepoli, Tecné, Swg, Euromedia Research, Ixè, Emg, Ipr Marketing, Datamedia, Ipsos e Demopolis il Pd di Matteo Renzi sarebbe al 32,9% dei voti; il Movimento 5 Stelle al 25,3% dei consensi; Forza Italia al 20%, la Lega Nord al 6,5%, la lista formata da Udc e Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano al 5,4%. La lista Tsipras e il partito di Gorgia Meloni Fratelli d’Italia vengono stimati in media al 3,7% dei voti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il