BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: situazione aggiornata questa settimana. Il punto

Si tornerà a discutere di interventi sulle pensioni, probabilmente dopo le elezioni europee. Necessaria flessibilizzazione in uscita




Qualche mese o forse un anno: continua ad essere lunga l’attesa per l’attuazione delle tanto richieste modifiche alle pensioni e anche il tavolo tecnico della scorsa settimana, convocato soprattutto per mettere un punto alla questione esodati, si è concluso senza raggiungere effettive soluzioni. Nonostante, infatti, si continui a ribadire la priorità di risolvere il caso degli esodati, mancano in realtà le basi per procedere in merito, vale a dire i numeri esatti di coloro che rischiano di rimanere senza reddito per vivere, senza stipendio e senza pensione, a causa delle norme Fornero. Bisogna dunque procedere ad una definizione puntuale della platea di coloro che necessitano di tutele, nonché al reperimento di risorse che servono anche a dare la pensione effettiva a chi è già stato salvaguardato, per effetto dei decreti approvati dai precedenti governi, ma non ha ancora iniziato a ricevere l’assegno pensionistico.

Continua, dunque, ad essere ingarbugliata la situazione, così come complessa sembra essere diventato l’intero piano di lavoro sulle pensioni. Solo fino a qualche settimana fa era forte l’entusiasmo per le nuove proposte che il governo Renzi aveva messo in campo, dai prepensionamenti Madia, al prestito pensionistico di Poletti, all’esonero di servizio, al sistema Quota 97, allo scivolo per gli esodati, ma ora tutto slitta ancora e probabilmente se ne riparlerà dopo le elezioni europee di fine maggio.

Il primo appuntamento utile potrebbe essere quello del 13 giugno, quando il governo, chiamato ad approvare la riforma della pubblica amministrazione, tornerà a parlare di prepensionamenti e di possibili forme di flessibilizzazione delle pensioni, invocate, in questi ultimi giorni, sempre più da diversi esponenti politici, come Damiano e Sacconi, nonché dai sindacati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il