Isee 2014: novità settimana. Nuova fase inizia con più controlli. Regole, misure e non solo

Nuovo Isee 2014 con norme più rigide di controllo contro l’evasione fiscale: come funziona e cosa prevede. Novità di quest’anno

Isee 2014: novità settimana. Nuova fase


Pensato come nuovo strumento di controllo e per combattere l'evasione fiscale, il nuovo Isee 2014, che misura l'indice della situazione economica di ogni famiglia italiana, passando in rassegna ogni dato fiscale che si riferisce ad un determinato contribuente che richiede agevolazioni fiscali, come la social card, perchè in condizioni economiche disagiate, rispetto allo scorso anno presenta diverse novità, a partire dall'autocertificazione che se prima valeva per tutto, ora varrà solo per una parte di documenti necessari da presentare. Tra i documenti da presentare l’autocertificazione sullo stato di famiglia, documento di identità e tessera sanitaria (codice fiscale) del richiedente e l’ultimo estratto conto bancario o postale.

Rientrano nei controlli del nuovo Isee 2014 anche il patrimonio all’estero e il valore degli immobili rivalutato ai fini Imu; inoltre, cala quest’anno da 15.494 euro a 10.000 euro la franchigia massima sulla componente mobiliare, che sarà calcolata in base al numero dei componenti del nucleo familiare, salendo di 1.000 euro per ogni figlio dal terzo in poi.

In caso se ne fosse titolari, bisogna presentare poi, obbligatoriamente, anche il contratto d’affitto e l’ultima ricevuta di pagamento del canone, titoli di stato, azioni e obbligazioni,  certificato di invalidità oltre il 66%, assicurazioni sulla vita, eventuali mutui. Rientrano nei controlli quest'anno, a differenza dell'anno passato, gli assegni di mantenimento riferiti ai coniugi divorziati, le pensioni di invalidità e altre forme di trattamento previdenziale o assistenziale. I dati forniti verranno poi incrociati da banche, Inps, Agenzia delle Entrate e altre banche dati coinvolte per verificare se la situazione dichiarata dal contribuente sia effettivamente quella.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il