BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto, amnistia, esodati: il punto della settimana Governo Renzi sui temi sociali più importanti

Si prospettano giornate importanti per discutere di esodati e sovraffollamento carcerario: quali le possibili soluzioni?




Si discute ancora, senza successo, di soluzioni necessarie da trovare per chiudere la questione esodati o l'approvazione delle misure di indulto e amnistia per risolvere invece il problema delle carceri italiane troppo affollate. E se nel primo caso sono i lavoratori e coloro che sono stati bloccati nel loro percorso verso la pensione dall'entrata in vigore della legge Fornero sulle pensioni, nel secondo è invece la Corte di Strasburgo ad attendere risposte dall'Italia, altrimenti partirà con una multa decisamente troppo salata da pagare.

Si attende, intanto, la presentazione del testo unificato in materia di indulto e amnistia che dovrà essere presentato il 15 maggio dalla senatrice Nadia Ginetti e Ciro Falanga di Forza Italia, mentre il presidente della Repubblica Napolitano continua ad invocare indulto e amnistia, necessarie per porre fine al sovraffollamento delle carceri e apre a queste possibilità anche il ministro della Giustizia Orlando. Manca infatti poco tempo all’appuntamento che il governo ha con la Corte Ue, il prossimo 28 maggio, per riferire su eventuali soluzioni per rendere migliore la vita dei detenuti italiani.

Nel suo ultimo intervento, in occasione del Salone del Libro di Torino, il ministro Orlando ha detto: “Abbiamo lavorato su tutti gli appunti che ci sono stati mossi da Strasburgo e speriamo e crediamo che ci siano le condizioni perché si apprezzi il lavoro che è stato fatto. Oggi siamo al di sotto dei sessantamila detenuti e si sono quasi azzerate le situazioni di detenuti con spazi al di sotto dei tre metri quadrati, che era uno degli appunti fatti da Strasburgo. Abbiamo avviato convenzioni con le Regioni per spostare una parte di detenuti tossicodipendenti in comunità e stiamo lavorando per il rimpatrio di una parte di detenuti stranieri”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il