BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: cambiamenti negativi tornano possibili dopo questi dati

Mentre si rilancia su flessibilità in uscita, tornano in ballo cambiamenti negativi sulle pensioni, dal contributo di solidarietà su pensioni d’oro a blocco rivalutazione




Prima il tavolo tecnico sugli esodati, poi nuovi interventi annunciati dal ministro del Lavoro Poletti, mentre Cesare Damiano, Maurizio Sacconi e sindacati rilanciano sulle possibili modifiche per le pensioni. Crescono le polemiche, si accende la discussione sul sistema previdenziale che necessità di cambiamenti ma tutto rimane ancora aleatorio e, se da una parte, si pensa a nuove forme di flessibilità in uscita, dall’altra, bisogna anche fare i conti con le risorse necessarie e disponibili.

Mentre Damiano rimette in discussione la sua uscita flessibile,che permette di andare in pensione prima, anche a 62 anni ma con penalizzazioni, il presidente dell'Inps, Mauro Nori, tempo fa aveva anticipato la possibilità di procedere ad un ricalcolo delle pensioni con il metodo contributivo invece del retributivo che porterebbe assegni minori ma più soldi per l’Inps. E così iniziano, nuovamente, a prospettarsi cambiamenti in negativo per le pensioni.

Ritornando, per esempio, alla proposta di Nori, il meccanismo prevederebbe che chi percepisce dai 500 ai 750 euro al mese, attraverso il ricalcolo, avrà un assegno con una diminuzione del 15% della pensione. Tornano poi in ballo le ipotesi del contributo di solidarietà sulle pensioni d’oro, che dovrebbe andare a toccare assegni superiori ai 3 mila euro, e un nuovo blocco delle rivalutazioni dei trattamenti pensionistici, cioè degli aumenti previsti ogni anno per le pensioni che vengono rivalutate in base all'inflazione dei 12 mesi precedenti. L'adeguamento all'inflazione vale solo per chi guadagna meno di 1.500 euro circa lordi al mese, mentre al di sopra di questa soglia la rivalutazione è parziale e diminuisce all'aumentare del reddito, fino ad arrivare al 40% per coloro che percepiscono più di 3mila euro lordi al mese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il