BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 2014 Maggio-Giugno-Luglio: tassi interessi in calo. Surroga e cambiare mutuo. Come fare.

Surrogare il proprio mutuo per scegliere offerte a condizioni migliori offerte da un’altra banca: come fare e consigli




Calano i tassi si interesse sui mutui, si attenuano anche gli spread bancari e torna la voglia di investire nel mattone. A sostenere la ripresa del mercato immobiliare anche i prezzi delle case decisamente abbassatisi rispetto a qualche mese fa. Ed è proprio in questo contesto, e in virtù dei nuovi andamenti che si stanno registrando, che sempre più spesso si vuol procedere a surrogare il proprio mutuo, cioè a decidere di cambiare banca per un’offerta di mutuo migliore.

Questa è appunto la surroga, operazione che offre la possibilità di cambiare il mutuo spostandolo dalla propria banca ad un’altra che offre proposte a condizioni migliori per tasso o durata. Per procedere alla surroga, il mutuatario in forma scritta, deve chiedere alla nuova banca di acquisire dalla precedente la somma che resta da pagare e una volta fatto si procederà alla formalizzazione del nuovo contratto presso la nuova banca alla presenza di un notaio che attesti la sottoscrizione della surroga. Chiaramente prima di procedere a tale operazioni, conviene mettere a confronto le offerte eventualmente disponibili, confrontarle e scegliere la migliore in base alle proprie esigenze.

Secondo un'indagine condotta da MutuiOnline, ad aprile si è tornati a puntare sul a tasso fisso, per cui vi sono proposte il cui tasso si attesta anche sotto il 5% sui 20 anni, ma secondo quanto spiegato da Roberto Anedda, direttore marketing di MutuiOnline, “La maggior parte chiede il variabile, sia per le nuove erogazioni che per la sostituzione. Il motivo è semplice: i tassi non accennano a risalire e con le ulteriori mosse che la Banca centrale europea (Bce) potrebbe adottare già dalla prossima riunione di giugno resteranno vicino allo zero ancora probabilmente a lungo”.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il