BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: cosa cambia per tutti dopo nuovo intervento Madia

Nuovo intervento Madia su piano prepensionamento e nuove misure possibili: cosa prevedono e per chi varrebbero se approvate




Prima il via ai 20mila prepensionamenti degli statali in esubero, ma nessuna assunzione, di contro, per ora, perché il primo obiettivo è ottenere risparmi di spesa; poi nuovi annunci da parte del ministro Madìa, che è tornata a parlare di prepensionamento per i lavoratori pubblici. Secondo quanto spiegato dal ministro, “Il meccanismo allo studio, se ce ne sarà la necessità, prevede brevi anticipazioni rispetto ai requisiti della legge Fornero, da sei mesi al massimo di un anno”.

Il nuovo piano, a differenza dei primi prepensionamenti avviati, prevede  l’uscita di lavoratori anziani per favorire nuove assunzioni di giovani per fare posto ai giovani, e prevede anche la proroga dell’opzione contributivo per permettere alle donne di andare in pensione ancora prima calcolando l’assegno con il sistema contributivo e non retributivo, accettando così un assegno finale minore ma con la possibilità di lasciare il lavoro con i requisiti antecedenti la legge Fornero.

Annunciato poi 10mila nuovi posti che si libereranno nella pubblica amministrazione con l’abrogazione del trattenimento in servizio, cioè della possibilità di rimanere al lavoro per i due anni successivi al raggiungimento dei requisiti pensionistici. E la Madia ha confermato: “Da qui al 2018 possiamo liberare 10 mila posti. La nostra P.A. non ha troppe persone, ma chi ci lavora ha un’età troppo elevata”. Il piano si estenderebbe anche ai lavoratori privati e così, senza discriminazioni, soprattutto se approvato anche il prestito pensionistico, tutti i lavoratori avranno possibilità di andare in pensione prima.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il