BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia, indulto, esodati: situazione aggiornata Governo Renzi e prossimi impegni e date

Rimandata presentazione testo unico su misure di amnistia e indulto e rimandata questione esodati: priorità sociali da risolvere




Rimandata la presentazione del testo unificato sui quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia, appuntamento probabilmente la prossima settimana dopo la ‘visita’ del ministro della Giustizia Orlando a Strasburgo fissato per riferire eventuali novità e soluzioni alla questione dell’affollamento carcerario del nostro Paese. Ma il dibattito su ‘indulto e amnistia sì o no’ è ancora troppo aperto perché si possa delineare un quadro ordinato e preciso di come il governo intende rispondere a questa emergenza, ormai sociale. Una mancata risposta da parte dell’Italia entro il prossimo 28 maggio porterà al pagamento della sanzione imposta dall’Ue al nostro Paese.

Rimandata, ancora una volta, una soluzione definitiva per gli esodati: il tavolo tecnico dello scorso 7 maggio, fra Inps, Ministero del Lavoro e Commissione Lavoro e Bilancio, si è infatti concluso senza alcuna novità rilevante, ponendosi semplicemente con un incontro preliminare cui ne dovranno seguire altri che, però, ci si augura, possano essere definitivi.

E’, infatti, diventato ancor più urgente dare una risposta alle migliaia di persone che ancora temono di rimanere senza pensione e reddito, nonché a coloro che, seppur rientranti nelle salvaguardie dei precedenti decreti, non hanno ancora ricevuto la loro pensione. E gli ultimi dati in merito sono allarmanti, perché al momento, solo un esodato su cinque riceverebbe effettivamente l’assegno finale. Diventa, dunque, prioritario, come affermato dal ministro Poletti, chiudere questa partita e ‘mettere al riparo’ gran parte dei lavoratori italiani, per poi passare alla soluzione di altre questioni di altrettanta importanza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il